Alimentazione Diete

Dieta a zona, come funziona?: alimenti consentiti

Dieta a Zona
Dieta a Zona

Perdere peso è il desiderio di moltissime persone. Le stesse che vanno alla ricerca di particolari diete. Di queste ne esistono molte di specie diverse, e tra queste una delle più conosciute è la dieta a zona. Ma esattamente come funziona? Se siete curiosi di scoprirlo non dovrete fare altro che leggere l’articolo in questione.

Dieta a zona

Quando si parla di dieta a zona ci si riferisce ad un regime alimentare al quale è legato il nome del noto biochimico americano Barry Sears e famosa non solo perché considerata uno dei migliori modi per dimagrire ma anche perché in grado di ridurre il rischio di infiammazioni e malattie croniche. Ed inoltre tale dieta sembrerebbe essere anche in grado di agire rallentando il processo d’invecchiamento della pelle. Secondo il suo inventore l’alimentazione legata a tale dieta sembrerebbe agire stimolando la produzione di alcuni ormoni chiamati eicosanoidi in grado di migliorare quelle che sono le funzioni svolte dall’organismo. Seguendo tale regime alimentare il ricercatore promette di annullare quelli che vengono chiamati ‘attacchi di fame’ e promette anche di ridurre il grasso in eccesso. Poi ancora promette di garantire anche maggiore efficienza sia a livello fisico che a livello mentale.

Alimenti consentiti nella dieta a zona

Tutti coloro che desiderano seguire tale dieta è importante che sappiano che i pasti dovranno essere composti per il 40% da carboidrati, per il 30% da proteine e per il restante 30% da grassi saturi. Nella dieta a zona alcuni alimenti sono consigliati, e quindi possono essere assunti, mentre invece altri sono sconsigliati. E quindi andrebbero eliminati dalla propria alimentazione. Tra i cibi consigliati vi troviamo quelli con un buon quantitativo di proteine e quindi con alto valore biologico. E quindi albume d’uovo, carni magre, formaggi freschi magri e tanti altri ancora. Poi ancora sono ammessi cibi con un buon quantitativo di lipidi insaturi e quindi ad esempio la frutta secca che è ricca di omega 6, i pesci ricchi di omega 3, l’olio extravergine di oliva ricco di omega 9 ecc.

Potrebbe interessarti anche: Melarossa, la dieta preferita dagli utenti del web: come funziona?

Dieta a Zona
Dieta a Zona

Ed infine anche carboidrati con basso indice glicemico e quindi ad esempio frutta e verdura. Quali sono invece i cibi sconsigliati nella dieta a zona? Semplice, tra questi vi troviamo quelli con grosse percentuali di lipidi saturi e colesterolo. E quindi insaccati, formaggi grassi, burro e strutto. Ma anche carni grasse e di preciso carni rosse. Sono inoltre sconsigliati i carboidrati raffinati e quindi tutti quei dolci che contengono saccarosio e tutte le fonti di carboidrati complessi. E quindi il riso e la pasta, il pane, patate, cereali ecc.

Dieta a zona: esempio menù

Ma da cosa è composto il menù tipico di una dieta a zona? Per pranzo è consigliata l’assunzione di un piatto di carne di manzo o di tacchino, pollo oppure pesce o tofu. Il tutto abbinato ad un piatto di verdure alla griglia oppure ad un’insalata mista condita con aceto e olio. Gli spuntini dovranno invece essere a base di frutta fresca mentre invece a cena si potrà scegliere di consumare un piatto di pesce o di carne ovviamente diverso da quello del pranzo abbinato ad un’insalata poco condita.

Il presente sito utilizza cookies di terze parti per offrirti una migliore esperienza digitale. Maggiori informazioni | Chiudi
Altro... Alimentazione, Diete
Pappa Reale
Pappa reale, cos’è?: numerosi i benefici per l’uomo

La pappa reale è un alimento ricco di sostanze nutritive in grado di apportare davvero numerosi benefici all'organismo umano. Viene...

Chiudi