Mangiare

Asparagi selvatici: come riconoscerli e proprietà benefiche

Asparagi Selvatici
Asparagi Selvatici

Tutti, o quasi tutti, conoscono gli asparagi coltivati ma pochi invece hanno la stessa familiarità con gli asparagi selvatici. Quest’ultimi rispetto ai primi sono considerati più gustosi ma anche più nutrienti. Ma esattamente, come si presentano, quali sono le proprietà e i valori nutrizionali? Le risposte a tali domande sarà possibile trovarle qui di seguito.

Asparagi selvatici: descrizione e come riconoscerli

Gli asparagi selvatici sono i germogli di una pianta rizomatosa che viene chiamata ‘asparagina’. Il rizoma tende a svilupparsi in profondità nel terreno fino a creare una struttura reticolare. La parte aerea della pianta spunta dal rizoma e si presenta come un lungo stelo legnoso il cui colore è verse inteso oppure verde chiaro. In prossimità della punta sono poi presenti delle sfumatura violacee. La cima del germoglio è la parte più commestibile e tenera ed è chiamata ‘turione’. Riconoscere gli asparagi coltivati da quelli selvatici potrebbe risultare più semplice di quanto immaginato. Di preciso quelli selvatici si presentano più sottili e alla base dell’apparato fogliare sono inoltre presenti delle spine. Questo è il motivo per il quale vengono chiamati asparagi pungenti oppure spinosi. In riferimento al gusto è possibile dire che quello degli asparagi selvatici è più amarognolo e al palato risulta anche maggiormente intenso e penetrante. Il sapore è quindi più deciso e persistente.

Valori nutrizionali

Parlando dei valori nutrizionali che caratterizzano gli asparagi selvatici è possibile dire che questi sono costituiti per il 90% da acqua. Contengono poco sodio ed inoltre una piccola percentuale di lipidi e poche calorie. Data la loro composizione son considerati perfetti per essere inseriti in regimi dietetici ipocalorici. Sono poi molto ricchi di pro-vitamina A e di vitamine appartenenti al gruppo B,C, E e K. Ed inoltre sono anche ricchi di sali minerali. Tra questi meritano di essere citati il calcio, il ferro, il magnesio, il potassio e il fosforo. E’ inoltre da segnalare anche la presenza di acido folico, chiamata anche vitamina B9, considerato molto importante per lo sviluppo corretto del feto e raccomandato quindi alle donne in gravidanza. Negli asparagi è inoltre presente un’altra importantissima molecola chiamata ‘asparagina’. Si tratta di un potente aminoacido al quale sono legate importantissime proprietà. Tra queste quelle diuretiche, disintossicanti per reni e fegato e depurative.

Potrebbe interessarti anche: Caffè ginseng: ingredienti, proprietà e controindicazioni

Asparagi Selvatici
Asparagi Selvatici

Proprietà

Agli asparagi selvatici sono legate importantissime proprietà benefiche per la nostra salute. Per tale motivo sono considerati come un prezioso alimento nutraceutico ovvero dotato di importantissime proprietà terapeutiche per il nostro organismo. Volendo fornire uno schema dettagliato delle proprietà degli asparagi selvatici è possibile affermare che tra queste vi troviamo quelle:

  • lassative;
  • anticellulite;
  • dimagranti;
  • antiossidanti;
  • rimineralizzanti;
  • riequilibranti del metabolismo;
  • antitumorali;
  • disintossicanti;
  • depurative;
  • diuretiche;
  • rinforzanti del sistema immunitario.

In riferimento alle proprietà rimineralizzanti è opportuno chiarire che queste sono dovute all’alto contenuto di minerali. La grossa presenza di fibre è invece in grado di conferire a tali asparagi un potente effetto lassativo.

Altro... Mangiare
Dieta Paleontologica
Dieta Paleontologica: cos’è, come funziona e controindicazioni

Tra le numerose diete presenti sul web vi troviamo anche la Paleo Dieta chiamata anche Dieta Paleolitica o Paleodieta o...

Chiudi