Home » Alchechengi: le origini, le proprietà e i principali benefici
Mangiare

Alchechengi: le origini, le proprietà e i principali benefici3 minuti di lettura

Alchechengi
Alchechengi

Alchechengi o alchechengio, non è che è una pianta perenne che pare produca delle bacche commestibili. Questa pianta appartiene alla famiglia delle solanacee, così come la patata e il pomodoro. Per mangiare dei frutti freschi di alchechengi, quindi, bisogna assicurarsi che questi abbiano un colore arancione e che siano piuttosto sodi. Devono, inoltre, avere delle ammaccature e il calice, non dev’essere avvizzito.

Origini e caratteristiche

Le sue origini sono asiatiche ma anche europee. E’ un’ erbacea perenne e si riconosce piuttosto facilmente per i calici che tendono ad avvolgere la bacca. Queste sono molto simili alle lanterne e sono di colore arancione. Il nome di questa pianta, deriva da una parola araba ma latinizzata, ovvero “al-kakang”, che significa “lanterna cinese”. In autunno questa pianta produce un frutto particolarmente ricco di vitamina C, addirittura una quantità superiore a quella del limone. Il gusto di questo frutto è molto dolce e anche un po’ agrumato, è ricco di proprietà benefiche, tanto da essere utilizzato da sempre come un depurativo naturale. Esteticamente questo frutto è molto bello, perché molto piccolo, di forma rotonda e dal colore giallo- arancio. Queste bacche pare che siano particolarmente diffuse in Oriente, dove si è soliti consumarle quando è la loro stagione di maturazione, ovvero l’autunno. Inoltre, sempre in Oriente, ma un po’ dappertutto, pare che siano particolarmente apprezzate per il loro particolare gusto, nonché per le loro proprietà nutrizionali ed effetti benefici sull’organismo.

Potrebbe anche interessarti: Mapo, agrume dal sapore aspro: proprietà e benefici

Calorie e valori nutrizionali

Questa pianta ha dei valori nutrizionali molto interessanti, soprattutto per l’alta quantità di vitamina C. Sembra che circa 100 g di alchechengi contenga:

  • Acqua 85,4 g
  • Grassi 0,97 g
  • Proteine 2,38 g
  • Carboidrati 14 g
  • Vitamina C 11 mg.

Circa 100 g di alchechengi, pare apportino all’organismo circa 53 kcal.

Proprietà

 

Alchechengi
Alchechengi

L‘alchechengi ha davvero innumerevoli proprietà benefiche per il nostro organismo. Come abbiamo visto, è nota per il suo potere depurativo ed è dunque considerato un ottimo diuretico. Trova, grazie a questa proprietà, una grande applicazione, nella medicina cinese. È utilizzato anche nella fitoterapia, per trattare la gotta e i calcoli renali. Grazie alla presenza dei flavonoidi, mucillagini e carotenoidi, risulta essere un ottimo antiossidante e apporta all’organismo una quantità non indifferente di vitamina C. Questo fa sì che possa aumentare le difese immunitarie dell’organismo e agisce proteggendo soprattutto il fegato, lo stomaco e le vie urinarie.  E’ considerato anche un ottimo alleato della pelle e infatti sembra che aiuti a contrastare ma anche a prevenire problemi dermatologici. Va detto però, che le sue foglie sono davvero tossiche per l’organismo, ma nel caso in cui siano utilizzate esternamente, possono servire per fare degli ottimi impacchi rilassanti e alleviare ogni tipo di infiammazione.

Benefici

Grazie alle innumerevoli proprietà, è anche un ottimo rimedio naturale. E’ utile soprattutto in caso di ritenzione idrica, ma anche per combattere gotta, calcoli, cistite e infezioni di tipo virale. Nello specifico si evidenziano i benefici dell’ alchechengi in caso di:

  • calcoli renali
  • cistite
  • ritenzione idrica
  • gotta
  • infezioni di tipo virale
  • fegato da Depurare
  • sistema immunitario debole.

 

Read previous post:
Umami
Umami: tutto quello che non sai sul quinto gusto

Avete mai sentito parlare dell'umami? Si tratta di uno dei cinque gusti fondamentali che vengono percepiti da tutte le cellule...

Close