Home » Sidro di Mele, cos’è e come prepararlo in casa? Ecco la ricetta
Mangiare

Sidro di Mele, cos’è e come prepararlo in casa? Ecco la ricetta3 minuti di lettura

Sidro
Sidro

Vi è mai capitato di sentir parlare di sidro? Questo è il termine utilizzato per far riferimento ad una bevanda alcolica che viene ottenuta di preciso dalla fermentazione alcolica dei frutti delle mele e in alcuni casi anche da quelli delle pere. Ma come fare per preparare in casa il sidro di mele? In realtà farlo non è difficile, basterà seguire qualche semplice consiglio.

Sidro di mele

Le origini del sidro di mele sono piuttosto antiche e legate alla Francia e alla Normandia nel periodo del Medioevo. La sua invenzione è invece antecedente. Questa particolare bevanda è molto diffusa nel Regno Unito ma anche in Francia, in Spagna. E ancora in Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Finlandia e Svizzera. In Italia invece è meno popolare ma è comunque possibile trovarla o in molti supermercati oppure all’interno dei pub in stile anglosassone. Nei paesi di tradizione celtica bere il sidro viene considerato un rito collettivo oltre che il segno di unione tra le persone.

Ricetta per preparare in casa il Sidro di Mele

Ma, come preparare in casa il sidro di mele? In realtà farlo non è difficile e sarà possibile farlo utilizzando dei prodotti facilmente reperibili sia in casa sia al supermercato. Questi nello specifico sono:

  • 2 kg di mele;
  • 0,5 di acido ascorbico ovvero la vitamina C facile da reperire in farmacia oppure nei negozi di prodotti enologi. Potrebbe essere un’ottima soluzione anche scegliere di aggiungere il succo di un limone;
  • 1 fiaschetta da 3 litri;
  • 250 gr di zucchero di canna grezzo.

Potrebbe interessarti anche: Cicoria ricette semplici e gustose: ecco alcune idee

Sidro
Sidro

Preparazione

Dopo aver recuperato tutti gli ingredienti necessari occorrerà seguire alcuni semplici passaggi per realizzare in casa il sidro di mele. Nello specifico dopo aver pulito le mele dai piccioli e dai semi bisognerà frullarle con 1/4 di litro di acqua e 250 g di zucchero, aggiungere il succo di limone ed il lievito sciolto in precedenza in un poco di acqua tiepida. Utilizzando un imbuto invece occorrerà inserire nella fiaschetta la purea di frutta e poi tapparla utilizzando un tappo colmatore. Questa è l’espressione utilizzata per far riferimento ad un tappo che consente l’uscita dell’anidride carbonica impedendo allo stesso tempo l’ingresso di ossigeno. Bisognerà tenere la fiaschetta in un ambiente la cui temperatura dovrà essere di 20° circa. In questo modo non si andrà a rallentare il metabolismo dei lieviti e non si bloccherà la fermentazione.

E’ molto importante precisare che l’anidride carbonica spingerà la parte solida della purea a salire durante il processo di fermentazione. Per tale motivo è quindi consigliato scuotere la fiaschetta per una volta al giorno in modo tale da mescolare il contenuto. Trascorse due settimane il sidro sarà quindi pronto e sarà possibile filtrarlo e successivamente imbottigliarlo. Se per gusto personale si preferisce un sidro particolarmente frizzantino ecco che un’ottima idea potrebbe essere quella di aggiungere all’interno delle bottiglie due cucchiaini di zucchero. Le bottiglie andranno poi tappate per bene e conservate in luogo fresco per circa 3 settimane. Il risultato sarà davvero ottimo e soprattutto sorprendente.

Leggi articolo precedente:
Cicoria ricette semplici e gustose: ecco alcune idee

La cicoria è un ingrediente molto semplice da cucinare e infatti si presta bene alla preparazione di varie ricette. Qui...

Chiudi