Home » Olio di canola: dove si trova e quali sono le caratteristiche nutrizionali
Guide

Olio di canola: dove si trova e quali sono le caratteristiche nutrizionali2 minuti di lettura

Olio di canola
Olio di canola

Olio di canola, cos’è e e da dove si ricava? Con questa espressione si fa nello specifico riferimento ad un olio vegetale tornato alla ribalta nel corso degli ultimi anni e ottenuto dalla lavorazione di una varietà di colza geneticamente modificata. Nello specifico stiamo facendo riferimento ad una pianta erbacea dalla quale vengono prodotti dei fiori di colore giallo dai cui semi viene estratto questo particolare olio utilizzato, soprattutto, per la produzione di biocarburanti e lubrificanti.

Cos’è l’olio di canola e dove si trova

La prima domanda alla quale occorre fornire una risposta è “Cos’è l’olio di Canola?”. Con questa espressione si fa nello specifico riferimento ad un olio canadese a basso contenuto di acido che è stato selezionato, negli anni ’70, da un gruppo di ricercatori canadesi in seguito all’utilizzo di una varietà di colza piuttosto particolare. Nello specifico i ricercatori canadesi per raggiungere tale obiettivo hanno selezionato la Canadian Brassica. Stiamo nello specifico parlando di una varietà di colza che dopo essere stata sottoposta ad un processo di raffinazione chimica ha la capacità di produrre un olio con solo il 2% di contenuto di acido erucico.

In questo modo è stato quindi possibile ottenere l’olio di Canola, abbreviazione di Canadian Oil Low Acid. Un olio canadese la cui concentrazione di acido è davvero molto bassa. Dal momento della sua scoperta ecco che questa tipologia di olio si è molto diffusa a livello commerciale. Oggi infatti è possibile trovarlo nei dolci, nelle merendine, nelle gomme ma anche in tanti altri prodotti alimentari confezionati. Molto spesso viene indicato, nelle etichette alimentari, semplicemente come olio vegetale oppure con la voce altri olii.

Quali sono le caratteristiche nutrizionali dell’olio di canola? Questo particolare olio vegetale presenta una componente lipidica piuttosto buona. Nello specifico tale olio contiene l’acido oleico e l’acido linoleico considerati molto importanti e utili per la salute dell’uomo. E ancora, è ricco di vitamine appartenenti ai gruppi E e K ed è ricco di canololo.

Potrebbe interessarti anche: Percorso Kneipp: cos’è e perché è benefico per il nostro organismo

Olio di Canola
Olio di Canola

Pro e contro

Se da una parte sono molti i sostenitori dell’olio di canola ecco che allo stesso tempo sono invece molti altri ad essere contrari al suo utilizzo alimentare. Ma, quali sono i pro e i contro? In entrambi i casi sono molteplici. Nello specifico tra i pro vi troviamo l’essere un olio ricco di grassi buoni ovvero i grassi chiamati polinsaturi, importanti in quanto in grado di svolgere, nei confronti del cuore, funzione protettiva. Poi ancora, secondo uno studio condotto dal dottor David Jenkins, consumare olio di canola favorisce una riduzione del rischio di malattie cardiache. In particolar modo in tutti i pazienti che soffrono di diabete di tipo 2.

I processi di lavorazione a cui l’olio in questione viene sottoposto raggiunge temperature molto alte, esattamente superiori ai 200 gradi. E proprio tale processo causa la trasformazione dei grassi ‘amici’ in grassi nemici per l’organismo.  Questo rientra tra i contro.

Leggi articolo precedente:
Focaccia senza lievito
Focaccia senza lievito: ecco una ricetta semplice e gustosa

Sono molti coloro che amano trascorrere il tempo in cucina preparando delle gustose pietanze. Ad esempio tra queste vi troviamo...

Chiudi