Home » Pianta ananas, dove tenerla e come coltivarla in vaso?
Abitare

Pianta ananas, dove tenerla e come coltivarla in vaso?3 minuti di lettura

Pianta ananas
Pianta ananas

Molto spesso si sente parlare dell’ananas come frutto, poche volte invece si parla della pianta. A tal proposito è possibile quindi dire che la pianta di ananas, il cui nome botanico è ananas comosus, può essere utilizzata oltre che per ricavare gustosi frutti anche per dare al proprio appartamento o giardino un tocco più tropicale. Ma esattamente cosa sapere? Dove tenere la pianta di ananas e come coltivarla? Qui di seguito sarà possibile trovare preziose informazioni.

Pianta di ananas

La pianta di ananas,  nota semplicemente come ananasso, fa parte della famiglia delle Bromeliaceae. Le sue origini sono legate all’America centrale ma anche all’America del Sud ed è particolarmente conosciuta sia per i suoi gustosi frutti ma anche perché può essere utilizzata come una pianta ornamentale in grado di dare un tocco di particolarità al proprio appartamento. Questa pianta infatti in molti Paesi viene considerata simbolo di ospitalità e di benvenuto.

Come coltivare la pianta

È possibile coltivare la pianta di ananas? La risposta è sì. Nello specifico è possibile coltivare l’ananas in vaso sia nel caso in cui si abiti in una zona dal clima mite sia nel caso in cui si abbia a disposizione, all’interno della casa o del giardino, un luogo riparato. Esistono diversi metodi per poter coltivare l’ananas in vaso. Il primo è molto semplice e consiste nello scegliere, presso un punto vendita di fiducia, un ananas fresco da poter acquistare. In seguito occorrerà semplicemente separare le foglie dal frutto effettuando un taglio e mantenendo sempre una parte della base. Questa andrà poi immersa in una ciotola d’acqua per qualche giorno fino a quando non saranno spuntate le radici. Quando queste radici appariranno lunghe e forti potranno essere trasferite all’interno di un vaso con terriccio.

Un altro metodo efficace per poter coltivare l’ananas in vaso è quello secondo il quale occorre staccare le foglie e la base dal frutto prendendo anche una parte della polpa, in modo tale da poter formare una specie di gambo. All’interno di questo andranno inseriti degli stecchini in legno grazie ai quali poter sistemare il gambo all’interno di un bicchiere d’acqua prestando però molta attenzione a non lasciarlo cadere verso il basso. A sorreggere il tutto vi saranno quindi sia gli stecchini sia il bordo del bicchiere. Trascorsa una o due settimane ecco che proprio le foglie inizieranno a crescere e di conseguenza inizieranno anche a formarsi le radici. Quando queste saranno forti e lunghe ecco che allora sarà finalmente arrivato il momento di poter trasferire l’ananas all’interno di un vaso contenente del terriccio fresco.

Potrebbe interessarti anche: Centopiedi, come si presentano? Ecco le principali caratteristiche

Pianta ananas
Pianta ananas

Cosa sapere

Per poter coltivare la pianta di ananas occorre però sapere anche come doversi comportare. Nello specifico è importante che la pianta in questione abbia un tasso di umidità piuttosto buono e che venga annaffiata con regolarità ma allo stesso tempo con attenzione. E’ infatti importante sapere che questa tipologia di pianta non ama i ristagni d’acqua e quindi è necessario mantenere il terreno ben drenato. E ancora, è importante anche sapere che nel corso della stagione invernale, tra un’innaffiatura e l’altra, il terreno dovrà risultare secco. La pianta andrà concimata una volta al mese utilizzando un concime liquido tipico per piante verdi. Nel caso in cui le foglie si secchino o comunque tendano ad accartocciarsi ecco che allora è probabile che la pianta soffra di mancanza di luce.

Leggi articolo precedente:
Antistaminico naturale
Antistaminico naturale, quale scegliere? Ecco alcuni preziosi consigli

Sempre più spesso capita di sentir parlare di antistaminico naturale, ma in realtà pochi sanno a cosa si fa riferimento...

Chiudi