Home » Rosa di gerico: origini e aspetto della ‘rosa del deserto’
Abitare

Rosa di gerico: origini e aspetto della ‘rosa del deserto’3 minuti di lettura

Rosa di Gerico
Rosa di Gerico

Rosa di gerico è l’espressione utilizzata per far riferimento ad una speciale pianta adatta a tutti. E quindi sia per chi non ha il pollice verde ma anche per tutti coloro che, al contrario, nutrono una profonda passione per il mondo delle piante e dei fiori. Ma esattamente quale sono le sue origini e come prendersene cura?

Origini e aspetto della Rosa di gerico

Non tutti conoscono o hanno sentito mai parlare della rosa di gerico. Questa, chiamata anche rosa di jericho oppure rosa del deserto, è una bellissima pianta che fa parte della famiglia delle Brassicaceae. Il suo particolare nome è legato alla sua provenienza. Infatti le origini della rosa di gerico sono legate al Medio Oriente. Ma esattamente cos’è e come si presenta? In realtà è molto diversa da quella che è la tradizionale rosa, nonostante abbiano in comune una parte del nome. La rosa di gerico infatti si presenta esattamente come un bulbo secco composto da tanti ramoscelli accartocciati che insieme vanno a formare un globulo il cui colore è piuttosto scuro, e di preciso marrone.

Leggende

Alla rosa di gerico sono legate diverse leggende. Una di queste narra che la pianta in questione sia nata in Terra Santa e sia stata importata in Europa dai pellegrini e dai crociati che lungo il cammino avrebbero beneficiato della sua capacità di produrre dell’acqua miracolosa in grado di dissetare i viaggiatori. E ancora in Europa vi è la credenza secondo la quale ospitare questa pianta nella propria abitazione significa avere la possibilità di attirare, tra le mura domestiche, la felicità. Infine questa pianta viene anche considerata simbolo di bellezza, resurrezione, serenità e lunga vita. Proprio per quello che è il suo significato viene donata in occasioni importanti e speciali. Tra queste ad esempio il battesimo, la comunione ma anche in occasione del matrimonio e della laurea.

Potrebbe interessarti anche: Orchidea come curarla? Ecco alcuni preziosi consigli

Rosa di Gerico
Rosa di Gerico

Coltivazione della rosa di gerico

Sapere come coltivare la pianta è importante per potersene prendere cura. Al momento dell’acquisto si presenta come un bulbo privo di vita ma in realtà con il trascorrere del tempo la pianta si aprirà e i suoi rami assumeranno un meraviglioso colore verde. Affinché questo accada bisognerà però conoscere e rispettare i suoi cicli naturali. L’acqua di irrigazione, ad esempio, dovrà bagnare per bene le radici ma non dovrà rimanere in contatto con il bulbo per più di 3 giorni consecutivi. Dopo che sarà trascorso questo tempo ecco che la pianta inizierà ad asciugarsi per bene e poco alla volta inizierà a schiudersi fino a cambiare completamente colore.

In seguito la rosa di gerico seccherà del tutto e il suo aspetto apparirà molto simile a quello iniziale. A questo punto bisognerà decidere cosa fare. E quindi se conservarla disidratata oppure, trascorsi 15 giorni, rimetterla in acqua.

Dove acquistare la rosa di gerico? In commercio vi sono molte piante che le somigliano ma che in realtà sono dei falsi. Per evitare quindi di venire truffati il consiglio è quello di rivolgersi a negozi specializzati nella vendita di prodotti biologici ed erboristici.

 

Leggi articolo precedente:
Lasagna al pesto, come prepararla? Ecco la ricetta tradizionale

Chi non ama le lasagne? Si tratta di un piatto davvero prelibato in grado di mettere d'accordo i gusti di...

Chiudi