Home » Melassa: proprietà e valori nutrizionali del dolcificante naturale
Mangiare

Melassa: proprietà e valori nutrizionali del dolcificante naturale3 minuti di lettura

Melassa
Melassa

La melassa altro non è che un liquido di colore scuro che viene separata dallo zucchero attraverso la centrifugazione. Questo termine pare derivi dal portoghese e più nello specifico del termine melaço che a sua volta deriva dal latino nei Che vuol dire miele. La melassa non è facilmente reperibile e Può essere utilizzata come una valida alternativa al saccarosio che è il dolcificante più venduto oltre al miele. In commercio esistono diverse tipologie di questo dolcificante naturale. Si trova la melassa Bianca e quella nera. Una seconda distinzione è fatta riguardo la matrice di partenza e si parla di melassa di barbabietola e melassa di canna.

La melassa Bianca è quella che pare abbia un valore commerciale piuttosto scarso ed è ottenuta da una prima estrazione dello zucchero. Questa ha un sapore piuttosto gradevole. Riguardo la seconda Invece, questa risulta più pregiata ed è ricavata da una seconda estrazione dello zucchero. Il sapore però è meno gradevole ed è più amara rispetto alla precedente. La melassa di barbabietola è utilizzata per la preparazione dei mangimi per gli animali e anche per produrre il lievito di birra. Proseguiamo con la melassa di canna la quale si ottiene dalla fermentazione della canna da zucchero e viene utilizzata per la preparazione della vodka e del rum.

Valori nutrizionali

Circa 100 grammi di melassa contiene 290 kcal. Dunque, è facile capire che si tratta proprio di un alimento che conferisce tanta energia e pare faccia particolarmente bene alla mente. Si tratta Dunque di un sottoprodotto derivato dalla lavorazione dello zucchero. Proprio durante l’estrazione dello zucchero dalla canna tutti i principi nutritivi del succo vengono concentrati. Così si ottiene un fluido molto appiccicoso e anche viscoso che è la melassa. In 100 grammi di melassa troviamo circa 11 mg di ferro, oltre che 1500 mg di potassio 90 mg di magnesio e 500 mg di calcio. Ma non finisce qui perché la melassa Contiene anche 30 grammi di fosforo 1,93 mg di rame e anche una grande quantità di vitamina PP, di inositolo e acido pantotenico.

Melassa, impiego in cucina

Melassa
Melassa

Trattandosi di un dolcificante, può essere utilizzata quindi per dolcificare alcune bevande e pasti. La melassa si può trovare tranquillamente in tutti quei negozi che vendono alimenti naturali e biologici e appare sotto forma di liquido piuttosto scuro e denso dal sapore aromatico. E’ dunque un’alternativa piuttosto valida al miele ma anche allo zucchero e al malto. Può anche essere preparato in casa e in modo anche piuttosto semplice. Come fare? Basterà semplicemente acquistare lo zucchero di canna scioglierlo e conservarlo in barattoli di vetro. Può essere utilizzato quindi per insaporire le ricotte, ma anche uno yogurt. Oppure può essere Spalmato sul pane per colazione oppure per fare una merenda piuttosto energetica. Ad ogni modo tra la valida alternativa allo zucchero semolato quindi saccarosio ed edulcorante comune, si trova il malto il miele, lo sciroppo d’acero, la melassa e la stevia. Quest’ultima è una pianta tipica del Paraguay e anche del Brasile utilizzata anticamente per il suo elevato potere edulcorante.

Read previous post:
Ibiscus
Ibiscus: descrizione, habitat, come coltivarlo e quanto costa

L'Ibiscus altro non è che una pianta dai fiori davvero meravigliosi per lo più singoli ma in alcuni casi anche...

Close