Home » Cipollotto, alimento ricco di proprietà e benefici: come cucinarlo?
Mangiare

Cipollotto, alimento ricco di proprietà e benefici: come cucinarlo?3 minuti di lettura

Cipollotto
Cipollotto

Il cipollotto è un alimento ricco di proprietà e benefici per la salute dell’uomo. Questo è caratterizzato da un sapore delicato e per tale motivo viene sempre più spesso utilizzato in cucina. Ma esattamente, di cosa stiamo parlando e come cucinarlo?

Cosa sapere sul cipollotto

Quando si parla di cipollotto si fa nello specifico riferimento al bulbo della cipolla non giunto a maturazione. Il cipollotto è  molto gustoso e proprio a proposito del suo sapore è possibile dire che questo non è molto forte come quello della cipolla matura. Il cipollotto è presente tutto l’anno in quanto coltivato all’interno delle serre ma se il desiderio è quello di trovarlo fresco allora è importante sapere che la stagione in cui poterlo fare è l’inizio della primavera.

Proprio per la loro versatilità vengono sempre più spesso utilizzati in cucina per la preparazione di ricette di vario tipo. Ma molto spesso vengono anche consumati crudi. La scelta potrà ricadere sul cipollotto bianco caratterizzato da un sapore più forte oppure sul cipollotto rosso che invece al contrario ha un sapore più dolce. Se consumato crudo sarà possibile beneficiare di tutte le proprietà nutritive, depurative e delle vitamine in esso contenute mentre invece se consumato cotto ecco che molte delle virtù benefiche contenute andranno perse.

Proprietà e benefici

Tra le proprietà benefiche legate al cipollotto vi troviamo quelle:

  • diuretiche: i cipollotti sono ricchi di acqua e quindi consentono di eliminare i liquidi in eccesso tramite le urine;
  • decongestionanti ed emollienti: il succo di cipollotto aggiunto al miele viene considerato un rimedio davvero formidabile per combattere l’infiammazione delle vie respiratorie e il muco. E’ quindi ideale nei casi di bronchite, tosse, raffreddore, mal di gola;
  • depurative: proprietà resa possibile dalla presenza, nel cipollotto, dei solforati considerati di notevole importanza in quanto in grado di eliminare nitriti e nitrati prodotti dal corpo.

E ancora, i cipollotti sono considerati molto utili per la salute del cuore e del sistema circolatorio, agiscono stimolando il buon umore e contribuiscono anche al benessere di denti e ossa. Infine agiscono stimolando la digestione in quanto caratterizzati dalla presenza di enzimi digestivi.

Cipollotto
Cipollotto

Come cucinare il cipollotto

Sapere come cucinare il cipollotto è molto importante se si desidera utilizzarlo in cucina. Il primo passo da fare dovrà essere quello di pulirlo per bene e quindi lavarlo ed eliminare la barbetta e la terra. In seguito occorrerà tagliare la parte verde fino ad 1 cm dalla testa e poi dividere il cipollotto a metà e tagliarlo a fettine. E’ molto importante che la scelta del cipollotto venga fatta con molta attenzione. Questi infatti dovranno essere lucidi e turgidi mentre invece la barba dovrà essere carnosa, il colore intenso e le foglie abbastanza consistenti.

La parte verde potrà essere utilizzata per la preparazione di minestroni di verdure, zuppe e passati. Le foglie invece andranno lavate in acqua fredda e poi tagliate a fette sottili. In seguito andranno poi sbollentate in padella ed aggiunte ad altre verdure come ad esempio nei minestroni. I gambi e le foglie del cipollotto potranno anche essere utilizzate per la preparazione di omelette e frittate.

Prima di fare tutto ciò è però molto importante far ammorbidire le foglie del cipollotto in acqua bollente per 5 minuti circa. In seguito alla cottura non bisognerà fare altro che scolarle e tritarle finemente. Successivamente sarà possibile ripassare in padella insieme ai gambi e ovviamente anche con un filo d’olio. E quando sarà tutto pronto ecco che finalmente si avrà la possibilità di preparare la frittata o l’omelette.

Leggi articolo precedente:
Semi di Finocchio
Semi di finocchio: proprietà, benefici e controindicazioni

Come arricchire il sapore dei piatti preparati in casa? Un'ottima soluzione potrebbe essere quella di utilizzare i semi di finocchio....

Chiudi