Mangiare

Centrifugati, cosa sono e quali sono gli errori da non fare

Centrifugati
Centrifugati

Ormai sempre più spesso si sente parlare dei centrifugati ai quali sono legate delle importanti proprietà dimagranti e disintossicanti. I centrifugati possono essere tranquillamente consumati in qualsiasi stagione dell’anno. Ma esattamente cosa si intende quando si parla di centrifugati? E quali sono i benefici ad esso legati?

Centrifugati, cosa sono

Per prima cosa è molto importante chiarire a cosa ci si riferisce quando si parla di centrifugati. Con tale termine si fa infatti riferimento ad un succo a base di verdura e di frutta realizzato con un particolare attrezzo, ovvero la centrifuga, dal quale la bevanda prende il nome. Il centrifugato si ottiene quindi da un particolare procedimento ottenuto in maniera molto rapida da un macchinario che lavora ad alta velocità. E’ importante chiarire che a differenza del frullato, il centrifugato contiene anche un basso contenuto di fibre. Per tale motivo ha un potere saziante minore rispetto al frullato. In generale viene comunque considerata una bevanda particolarmente dissetante e con un potere molto importante ovvero quello idratante. Rispetto ai succhi confezionati nei quali vi sono coloranti, conservanti e zuccheri aggiunti, nel centrifugato preparato in casa tutto questo è assente. E quindi viene considerato più salutare rispetto a quelli citati in precedenza. Realizzare un centrifugato è molto semplice, bisognerà semplicemente scegliere se sbucciare la frutta oppure no. E soprattutto a seconda di quelli che sono i vostri gusti potrete scegliere di abbinare frutta e ortaggi.

Leggi per approfondimenti: Centrifugati detox, energetici e disintossicanti: ricette

Centrifugati
Centrifugati

Centrifugati, gli errori da non fare

Anche se è molto semplice da preparare, è importante sapere che vi sono alcuni errori che non bisogna commettere quando ci si trova a preparare dei centrifugati. Il primo è quello che consiste nel trascurare la differenza tra centrifuga, frullatore ed estrattore. Infatti nel caso di un centrifugato, e quindi quando si utilizza la centrifuga, le lame che girano ad altissima velocità sviluppano un calore che vado a ossidare molte vitamine presenti nella frutta che si sta centrifugando. L’estrattore agisce in maniera più lenta rispetto alla centrifuga e quindi non produce calore e di conseguenza non va ad ossidare le vitamine. Il secondo errore da non commettere è quello di centrifugare qualsiasi cosa. Infatti è importante sapere che la centrifuga è particolarmente predisposta come estrattore di succo e quindi alimenti con percentuale di acqua relativamente bassa non sono indicati per l’utilizzo di tale strumento. Tra questi alimenti vi troviamo ad esempio i fichi, l’avocado e la banana.

Inoltre non sono nemmeno consigliati per realizzare dei centrifugati le bucce di agrumi, di ananas, buccia del melone, gli ortaggi a foglia come ad esempio l’insalata. Il terzo errore da non commettere è quello di eccedere con la frutta. Anche se i centrifugati a base di frutta e verdura sono considerati particolarmente salutari, è importante sapere e di conseguenza ricordare che la frutta contiene fruttosio. Questo zucchero quando viene consumato in forma liquida come nel caso di frutti centrifugati, viene privato di quella che è la  fibra del frutto intero e in questi casi può affaticare il fegato il quale a sua volta trasformata gli zuccheri in grassi. Per essere quindi un centrifugato davvero nutriente dovrà contenere un 30% di frutta con 70% di verdura.

Altro... Mangiare
Golden Milk
Golden Milk, le numerose proprietà benefiche del ‘Latte d’oro’

Golden Milk, è questo il nome o meglio la definizione attribuita ad una speciale bevanda a base di curcuma alla...

Chiudi