Home » Acai: descrizione della pianta, proprietà e controindicazioni
Mangiare

Acai: descrizione della pianta, proprietà e controindicazioni2 minuti di lettura

Acai
Acai

Acai è il termine utilizzato per far riferimento ad una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae definita ‘ Il frutto della vita’ dagli Indios che vivono nella selvaggia Amazzonia. Tali piante sono caratterizzate dalla presenza di bacche ricche di minerali, vitamine e antociani. E queste sono di preciso in grado di svolgere azione antiossidante e ipocolesterolemizzante.

Acai: descrizione della pianta e habitat

L’Acai è di preciso una pianta fruttifera la cui altezza può raggiungere anche i 30 metri. Le sue foglie sono pennate lunghe fino a 3 metri mentre invece i frutti si presentano come delle piccole bacche di forma arrotondata di colore porpora scuro. Il peso medio è di 1 grammo e si presenta, nel suo aspetto, molto simile al chicco d’uva. L’esocarpo, ovvero la buccia, dei frutti maturi si presenta di colore viola intenso oppure a seconda del tipo di Acai e della sua maturità può anche presentarsi di colore verde. Il mesocarpo è sottile e polposo e lo spessore è di 1mm o poco meno. Ma qual è l’habitat di tale pianta? Questa è nativa del Sud America e dell’America Centrale ma cresce soprattutto nelle zone paludose a nord del Brasile e poi a livello dell’estuario del Rio delle Amazzoni.

Proprietà

Numerose ed importanti sono le proprietà legate alle bacche di Acai. Queste sono di preciso ricche di antociani, proteine, acidi grassi essenziali, minerali, vitamine e fibre. Poi ancora sempre gli antociani sono in grado di svolgere una potente azione antiossidante e sono in grado di contrastare l’invecchiamento prematuro sia dei tessuti che delle cellule. Gli acidi grassi essenziali invece, ed in particolar modo l’acido oleico chiamato anche ‘omega 9’ è in grado di svolgere una potente azione ipocolesterolemizzante. E questo perchè in grado di abbassare il colesterolo LDL o cattivo e contrastare l’insorgenza di malattie cardiovascolari e aterosclerosi. L’acido linoleico, o omega 6, si rivela invece utile per aiutare a mantenere sane le membrane delle cellule.

Potrebbe interessarti anche: Mandarino: proprietà, benefici, calorie e controindicazioni

Acai
Acai

Gli acidi grassi essenziali  si rivelano di grande aiuto sia per il trasporto che per l’assorbimento delle vitamine liposolubili. Gli steroli sono inoltre molto importanti in quanto in grado di apportare numerosi ed importanti benefici al corpo umano. Nello specifico agiscono riducendo il colesterolo nel plasma sanguigno e demolendo i grassi accumulati. Grazie all’elevato contenuto di vitamine amminoacidi e minerali all’Acai sono anche associate importanti proprietà remineralizzanti.

Controindicazioni

Quello che in molti sono soliti domandarsi è se all’Acai sono legate anche delle controindicazioni. In realtà al consumo di bacche di Acai non sembrerebbero essere legate nè controindicazioni e nemmeno effetti collaterali. E’ però opportuno chiarire che essendo un frutto ricco di fibre in caso di consumo eccessivo potrebbero verificarsi meteorismo e diarrea. Inoltre in soggetti allergici potrebbero verificasi delle reazioni cutanee dovute proprio ad una sensibilità ai fotochimica contenuti nelle bacche. E’ sconsigliato il consumo di Acai in gravidanza in quanto ad oggi non sembrerebbero esservi studi scientifici che siano in grado di confermare l’assenza di pericolosità.

Read previous post:
Dieta Inizio Gravidanza
Dieta inizio gravidanza: cosa mangiare e cosa evitare?

La gravidanza rappresenta uno dei momenti più belli ed importanti nella vita di ogni donna. Ed è proprio in questo...

Close