Home » Matrioska, famoso souvenir russo: quali sono le sue origini
Guide News

Matrioska, famoso souvenir russo: quali sono le sue origini2 minuti di lettura

Matrioska
Matrioska

Chi non conosce la matrioska? A tutti sarà capitato almeno una volta nella vita di aver visto questo bellissimo souvenir russo. Ma quali sono le sue origini, la storia e il significato simbolico legato alla matrioska? Qui di seguito sarà possibile trovare le risposte a tali domande.

Matrioska: cos’è e origini

La matrioska viene molto spesso definita un’insieme di bambole che si compone di diversi pezzi tutti di varie dimensioni. Ogni pezzo è poi inseribile all’interno di quello il cui formato è più grande. Il pezzo più grande della matrioska viene chiamato ‘Madre’ mentre invece il pezzo più piccolo è chiamato ‘seme’. Ogni pezzo è suddiviso in due diverse parti entrambi apribili e richiudibili. L’unico pezzo che non può essere ne aperto e nemmeno chiuso è il seme.

Come vengono realizzate? A tale domanda è possibile rispondere affermando che le matrioske tradizionali sono in legno dipinto e quando sono dipinte a mano sono uniche in quanto non esiste un modello uguale all’altro. Le origini della matrioska sono piuttosto antiche e di preciso sembrerebbero risalire al diciannovesimo secolo. In questo periodo, secondo quelli che sono i cenni storici, sarebbe stata realizzata la prima matrioska in legno per come la conosciamo oggi. L’inventore fu Savva Mamontov ovvero il fondatore del circolo artistico di Abramcevo. E’ stato però nel 1990 in occasione dell’Esposizione mondiale di Parigi che la matrioska è stata premiata a livello internazionale. Nel 2003 negli Stati Uniti è stata costruita la più grande matrioska al mondo composta da ben 51 pezzi.

Matrioska
Matrioska

Potrebbe interessarti anche: Rosa Parks, chi era?: biografia e frasi celebri

Significato simbolico

Ma qual è il significato simbolico legato alla matrioska? A tal proposito è possibile dire che il termine in questione ha un collegamento particolare con la parola latina mater. Matrioska è di preciso un termine di origine russa che viene utilizzato come diminutivo del nome Matrena, o matrona, intesa come capofamiglia femminile all’interno di una società matriarcale. La matrioska rappresenta infatti la figura materna ed originariamente erano otto le bambole che la componevano. Queste, in ordine di grandezza, rappresentavano una madre, una ragazza e un ragazzo, una bambina ed un bambino. E per concludere l’ultima figura era quella che simboleggiava un neonato in fasce.

Nella letteratura italiana ricorre spesso la figura della Matrioska intesa come la donna dalle mille personalità. Nella cultura russa invece viene spesso utilizzata anche con l’intento di rappresentare le dinamiche legate a famiglie parecchio numerose all’interno delle quali si trovano zii, nonni e bisnonni, nipoti e pronipoti. La matrioska rappresenta quindi la Matrona Russa ed è intesa come una donna forte in grado di gestire l’intera famiglia. Inoltre questa figura viene anche vista come una donna che, nel corso della vita, ha dato alla luce più figli. Infine proprio in Russia tutti coloro che desiderano avere una matrioska personalizzata possono scegliere di far raffigurare sulla bambola se stesso e i componenti della propria famiglia.

Read previous post:
Vitamina B6
Vitamina B6, in quali alimenti è contenuta e proprietà

La vitamina B6, conosciuta da molti anche con il nome piridossina, fa parte delle vitamine appartenenti al gruppo B. Gruppo...

Close