Home » Trombosi sintomi: ecco quali sono e perché prestare attenzione
Salute

Trombosi sintomi: ecco quali sono e perché prestare attenzione3 minuti di lettura

Trombosi sintomi
Trombosi sintomi

A molti sarà sicuramente capitato di aver sentito parlare almeno una volta nella vita di ‘trombosi‘. Con tale termine si fa nello specifico riferimento alla formazione di un coagulo di sangue. Dove? All’interno di un vaso sanguigno. Ma, quali sono i sintomi a cui dover prestare attenzione?

Diversi tipi di trombosi

Trombosi è il termine utilizzato per far riferimento ad un trombo ovvero un coagulo di sangue all’interno di un vaso sanguigno. Questo può essere di vario tipo ovvero venoso oppure arterioso ed è molto importante sapere che si tratta di una condizione pericolosa che molto spesso può addirittura causare un rischio per la vita delle persone più di tante altre malattie. Quando si parla di trombosi arteriosa significa che il coagulo interessa un’arteria mentre invece la trombosi venosa si verifica quando il coagulo interessa una vena. Parlando proprio di trombosi venose è opportuno precisare che solitamente queste si verificano negli arti inferiori e possono essere profonde, ed in questi casi si parla di trombosi venosa profonda. Oppure ancora possono essere superficiali, ed è in questi casi si parla di flebite. La trombosi arteriosa invece può causare il rischio di essere colpiti da ictus oppure infarto.

Sintomi della trombosi

Ma, quali sono i sintomi della trombosi a cui dover quindi prestare molta attenzione in modo tale da poter intervenire il prima possibile? Questi possono essere diversi e riguardano solitamente un dolore al livello delle gambe, delle braccia oppure anche in altre zone del corpo. Il dolore interesserà infatti la parte in cui si è formato proprio il trombo ovvero il coagulo di sangue. Altri sintomi tipici della trombosi sono:

  • gonfiore;
  • bruciore;
  • arrossamento;
  • sensazione di calore;
  • indurimento della vena;
  • intorpidimento;
  • mal di testa;
  • febbre.

I sintomi della trombosi venosa profonda oppure della trombosi venosa superficiale possono essere gli stessi. Anche se in alcuni casi la trombosi venosa profonda si presenta del tutto asintomatica oppure semplicemente con un dolore avvertito quando si cammina o quando si sta in piedi. Il consiglio è comunque quello di intervenire il prima possibile quando si avvertono i primi sintomi, soprattutto in caso di trombosi venosa profonda. Questa infatti può provocare l’embolia polmonare.

Potrebbe interessarti anche: Spasmi muscolari: cosa sono, quali sono le cause e i sintomi

Trombosi sintomi
Trombosi sintomi

Altri sintomi da non sottovalutare sono anche:

  • tachicardia;
  • tosse ( in alcuni casi anche con sangue);
  • dolore al torace;
  • mancanza di fiato.

Cause

Quali sono le cause della trombosi? Queste possono essere diverse ma in qualsiasi caso sono legate all’alterazione dell’equilibrio nella coagulazione del sangue. Diverse anche possono essere le circostanze che provocano la comparsa di tale problema, ad esempio un trauma oppure degli interventi chirurgici oppure l’eccessiva sedentarietà. Ma non solo, anche il sovrappeso e l’obesità oppure una condizione di immobilità della persona.

Infine la trombosi può anche essere causata da disturbi di tipo ereditario oppure da condizioni particolari come ad esempio la gravidanza e il post parto. A seconda della gravità della situazione si potrà poi essere sottoposti ad un diverso trattamento.

Leggi articolo precedente:
Spasmi muscolari: cosa sono, quali sono le cause e i sintomi

Può capitare nel corso della vita di soffrire di spasmi muscolari, termine con il quale si fa esattamente riferimento ad...

Chiudi