Home » Olio essenziale di lavanda: come e perché utilizzarlo?
Salute

Olio essenziale di lavanda: come e perché utilizzarlo?3 minuti di lettura

Olio essenziale di lavanda
Olio essenziale di lavanda

Sempre più spesso, e per vari motivi, si sceglie di ricorrere all’utilizzo di varie tipologie di oli essenziali. Si tratta nello specifico di particolari o meglio pregiate sostanze estratte di preciso dalle piante aromatiche. Questi oli sono conosciuti fin dall’antichità e possono essere utilizzati sotto diversa forma. Tra i più utilizzati, proprio per la sua delicatezza, vi troviamo l’olio essenziale di lavanda. Ma, come mai? E soprattutto come utilizzarlo?

Olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale di lavanda, tra tutti gli oli essenziali, è quello utilizzato con maggiore frequenza proprio perché rispetto ad altri risulta più delicato. Questo infatti non è irritante per la cute ed inoltre è dotato di importanti proprietà. Ovvero le proprietà calmanti e quelle rilassanti.

Come utilizzare l’olio essenziale di lavanda? A questa domanda è possibile rispondere affermando che gli usi di tale olio sono davvero molteplici. Ad esempio viene spesso utilizzato nell’aromaterapia. In questi casi agisce calmando i nervi e distendendo i muscoli. Viene inoltre considerato un ottimo antidepressivo, agisce sciogliendo le contratture muscolari e si rivela di grande aiuto nel facilitare il sonno. E ancora, è opportuno precisare che questo funge da antibatterico e antisettico ed agisce favorendo la digestione.

Come utilizzarlo

Come utilizzare l’olio essenziale di lavanda nell’aromaterapia? Basterà semplicemente prendere una vaschetta e versare al suo interno un po’ d’acqua e una goccia di olio essenziale per circa 1 mq della stanza in cui ci si trova. L’eccezionale fragranza dell’olio essenziale andrà così a disperdersi per l’ambiente donando ai presenti una meravigliosa sensazione di relax. E ancora, tale olio potrà essere utilizzato per:

  • dormire meglio: in questo caso basterà semplicemente prendere un fazzolettino imbevuto di olio di lavanda e appoggiarlo vicino al cuscino oppure sul comodino;
  • punture di insetto: ottimo rimedio naturale da poter utilizzare nel caso in cui si venga punti. Nello specifico occorrerà versare 1 o 2 gocce di olio essenziale in un cucchiaino di gel di aloe vera. In questo modo applicarlo sulla pelle sarà più semplice;
  • realizzare un deodorante ecologico: farlo sarà molto semplice. Bisognerà infatti mescolare 4 gocce di olio essenziale con 2 cucchiai di bicarbonato di sodio. Il composto ottenuto andrà poi applicato sulla pelle utilizzando un piumino da cipria. E’ inoltre molto importante precisare che il deodorante ecologico preparato potrà essere conservato all’interno di un barattolino e poi utilizzato quando necessario. Per rendere tale deodorante ancora più profumato ecco che un’ottima idea potrebbe essere quella di aggiungere l’olio essenziale di geranio;

Potrebbe interessarti anche: Congestione sintomi: quali sono e come intervenire?

Olio essenziale di lavanda
Olio essenziale di lavanda
  • eliminare la forfora: quello della forfora è un disturbo che interessa moltissime persone. Un’ottima soluzione in questi casi potrebbe essere proprio quella di massaggiare il cuoio capelluto utilizzando l’olio essenziale di lavanda che agisce nello specifico aiutando l’attivazione della circolazione. Di conseguenza aiuta a rilassarsi e combattere la forfora;
  • combattere l’acne: basterà semplicemente aggiungere al gel di aloe vera oppure ad una crema per il viso una quantità ridotta di olio essenziale di lavanda. Il composto ottenuto andrà poi applicato direttamente sulla pelle nei punti più colpiti proprio dall’acne.
Leggi articolo precedente:
Creme per torte: ecco come preparare la crema pasticcera

Come farcire le torte preparate in casa? Un'ottima idea potrebbe essere quella di preparare delle gustosissime creme. Esistono tante ricette...

Chiudi