Home » Congestione sintomi: quali sono e come intervenire?
Salute

Congestione sintomi: quali sono e come intervenire?2 minuti di lettura

Congestione Sintomi
Congestione Sintomi

Fin da bambini, e soprattutto in estate, ci è stato più volte detto di stare molto attenti alla congestione. Ma esattamente a cosa si fa riferimento con questo termine? E quali sono i sintomi a cui dover prestare maggiore attenzione? Qui di seguito sarà possibile trovare preziose informazioni.

Cos’è la congestione e quali sono le cause

Cosa significa congestione? A questa domanda è possibile rispondere affermando che quando si parla di congestione, e più nello specifico di congestione digestiva, si fa riferimento ad un particolare e in alcuni casi anche grave disturbo causato dagli sbalzi termini improvvisi che vanno a bloccare quello che è il normale processo di digestione. Questo è considerato uno dei classici disturbi dell’estate e allo stesso tempo anche uno dei più pericolosi. Occorre quindi prestare davvero molta attenzione. Tale sbalzo termico infatti nei casi più gravi può addirittura causare la morte.

Ma quali sono le cause legate a questo disturbo? A causare la congestione è lo shock termico che tende a verificarsi proprio durante la fase digestiva. Durante la digestione il sangue tende a concentrarsi nella zona addominale e se durante questa fase viene consumato un alimento freddo oppure una bibita molto fredda oppure ancora in caso di un colpo d’aria oppure se ci si concede un bagno o una doccia fredda ecco che potrebbe accadere che il corpo reagisca cercando di indirizzare il sangue al cervello in modo tale da riuscire a mantenere la corporatura basale. Di conseguenza si va a verificare sia uno squilibrio nella circolazione ma anche un blocco improvviso del processo digestivo. Nei casi più gravi questa condizione può addirittura provocare la morte.

Sintomi della congestione

Come riconoscere la congestione? In realtà vi sono una serie di sintomi a cui dover prestare attenzione. Tra i sintomi più diffusi vi troviamo:

  • bruciori e crampi allo stomaco;
  • brividi;
  • sensazione di pesantezza;
  • nausea e vomito;
  • pallore;
  • sudorazione fredda;
  • mal di testa;
  • capogiri e svenimenti;
  • pelle d’oca;
  • annebbiamento della vista;
  • stato confusionale.

Una volta riconosciuti questi sintomi è consigliato intervenire subito per evitare che possano verificarsi delle spiacevoli conseguenze.

Congestione Sintomi
Congestione Sintomi

Come intervenire

Come intervenire nei casi di congestione? Il primo passo da fare è quello di far stendere la persona colpita da tale disturbo e far sollevare le gambe. In questo modo si consentirà al sangue di poter tornare verso lo stomaco. La zona dell’addome andrà invece tenuta al caldo o utilizzando le mani oppure, se possibile, servendosi dell’aiuto di una coperta. Inoltre potrebbe anche essere consigliato bere camomilla oppure acqua a temperatura ambiente a piccoli sorsi. E’ comunque sempre consigliato, soprattutto nei casi più gravi, consultare il medico o chiamare l’ambulanza.

Nei casi meno gravi ci si può riprendere dalla congestione poco dopo, ed esattamente una volta trascorse circa 2-3 ore. Affinché questo accada la temperatura corporea dovrà essersi ristabilita in quello che è il suo valore costante. E il sangue dovrà iniziare a circolare senza problemi.

Leggi articolo precedente:
Menu vegano
Menu vegano: idee e consigli per prepararne uno gustoso

Una cena improvvisa con delle persone che seguono uno specifico regime alimentare, come ad esempio quello vegano, e non si...

Chiudi