Home » Ginepro: tutti gli usi in cucina e nella medicina popolare
Mangiare

Ginepro: tutti gli usi in cucina e nella medicina popolare3 minuti di lettura

Ginepro
Ginepro

Il ginepro per chi non lo sapesse è una pianta piuttosto ricca di proprietà benefiche nonché di sapori. Chiamato anche con il termine Juniperus, questo è un genere appartenente alla famiglia delle piante chiamata Cupressaceae che comprende diverse specie arbustive e arboree. In realtà appartiene a questa famiglia che comprende sia il ginepro Comune ma anche altre specie che pare siano piuttosto apprezzate per via della qualità del legno e anche piante ornamentali.  Il Ginepro comune è quello che raggiunge un’altezza compresa tra 1 e 10 metri la quale presenta anche delle foglie aghiformi dal colore blu e viola. In Italia è piuttosto diffuso Soprattutto sulle Alpi ma anche sull’Appennino e in Sardegna e Lazio. Tuttavia nonostante con il termine Ginepro si intende la pianta, Questa è anche una spezia dalle tante proprietà benefiche e molto utilizzata in cucina.

Proprietà e benefici

Il ginepro è come abbiamo detto è praticamente una bacca dal colore viola e blu, ma soprattutto dalle mille proprietà benefiche. E’ sicuramente stomachico e pare che masticare le bacche possa facilitare in qualche modo la digestione. Inoltre, il ginepro è anche un antisettico naturale sia per le vie respiratorie che per quelle urinarie ed ha anche delle proprietà antireumatiche. L’olio essenziale di ginepro in molti casi è utilizzato per fare dei massaggi e e per rilassare i muscoli contratti. Ma non finisce qui Perché l’olio di ginepro è anche utile per tonificare i tessuti connettivi e per prevenire i crampi. Per tantissimo tempo e soprattutto a partire dal XIX secolo, il ginepro è stato molto utilizzato nella medicina Popolare come rimedio naturale per curare diversi disturbi.

Come utilizzare il ginepro come rimedio naturale

Ginepro
Ginepro

Visto i tanti benefici che questa pianta può apportare all’organismo vediamo come utilizzarlo al meglio. Si può preparare un infuso di ginepro lasciando in infusione per circa 5 minuti le bacche schiacciate in un circa un litro di acqua molto calda. Bisogna bere due tazze di questo infuso al giorno e questo pare che possa purificare le vie urinarie, favorire la diuresi e calmare la tosse. Si può In alternativa lasciare macerare per circa due settimane almeno 10 grammi di bacche, sempre schiacciate in un litro di vino con una scorza di limone, ottenendo in questo modo un macerato di ginepro. Questo può essere utilizzato dopo i pasti per prevenire meteorismo e i bruciori di stomaco. Infine l’olio essenziale di ginepro può essere utilizzato per massaggiare alcune parti del corpo favorendo un’azione emolliente e rilassante.

Uso in cucina

Il ginepro come abbiamo visto è anche utilizzato in cucina come Spezia sin dai tempi dei romani. Più che altro il ginepro era utilizzato in sostituzione del pepe. Il sapore piuttosto acidulo per questo viene utilizzato in abbinamento di cibi dal sapore molto forte come la selvaggina. E’ inoltre utilizzato anche per insaporire i piatti di pesce e patate oltre che nella preparazione di cocktail alcolici. Infine, il legno Del Ginepro essendo molto profumato può essere utilizzato per la fumigare i salumi e soprattutto posto nei forni a legna per poter dare un aroma al pane durante la cottura.

Read previous post:
Soda Caustica
Soda caustica: dove si acquista e tutti gli innumerevoli utilizzi

Sapete cos'è la soda caustica? Solitamente con questo termine si intende un composto alcalinizzante che altro non è che l'...

Close