Home » Acero rosso, caratteristiche della pianta e come coltivarla
Abitare

Acero rosso, caratteristiche della pianta e come coltivarla3 minuti di lettura

Acero Rosso
Acero Rosso

Tutti conoscono l’acero rosso, pianta le cui origini sono legate all’America del Nord presente in natura sotto diverse specie. Nonostante sia molto conosciuta, in realtà non tutti sanno come poter coltivare l’acero rosso. A tal proposito è possibile dire che tale pianta può essere coltivata sia in vaso sia in terra. E proprio qui di seguito potrete trovare importanti consigli.

Acero rosso, caratteristiche

Per prima cosa è opportuno sottolineare che il nome scientifico dell’Acero rosso è Acer rubrum ma molto spesso viene anche chiamato acero scarlatto. Si tratta di una specie di alberi definiti decidui tra le più comuni e soprattutto diffusi nell’America del nord. Ed in particolare nella parte centrale e orientale. A rendere particolarmente bello e amato l’acero rosso sono le sue foglie di colore rosso, la cui forma viene invece definita palmata. A passare molto spesso in secondo piano sono invece i fiori dell’acero rosso i quali si presentano meno particolari e quindi di minore impatto a livello estetico. Parlando sempre dei fiori dell’acero rosso è possibile affermare che questi sono solitamente riuniti in grappoli e il loro colore può essere giallo tendente al verde.

Come affermato poc’anzi, in natura sono molteplici le specie di acero rosso presenti. Nello specifico sono più di 200 le specie appartenenti al genere Acer, e proprio data la vastità è talvolta difficile anche farne un elenco. In generale è possibile dire che ve ne sono alcune di dimensioni più grandi che arrivano a superare in alcuni casi anche i 30-40 metri di altezza. E queste specie sono particolarmente diffuse in Canada e Nord America. Nelle zone asiatiche invece si trovano le specie di acero rosso dalle dimensioni più modeste che appunto non superano i 3-5 metri di altezza. In Italia invece la specie più diffusa e coltivata è quella definita acero palmato.

Acero rosso, coltivazione

Se dunque siete particolarmente attratti dall’acero rosso e desiderate sapere come coltivarlo ecco che proprio qui di seguito otterrete alcun importanti consigli. Parlando di preciso dell’acero rosso palmato, quello maggiormente diffuso in Italia, ecco che è possibile dire che questo va collocato in quelle che vengono chiamate zone di mezz’ombra. E’ infatti importante sottolineare, e dunque sapere, che l’esposizione diretta ai raggi solari potrebbe non fare bene alla pianta. Anzi, al contrario, la farebbe soffrire. Per quanto riguarda invece la temperatura adatta per questo tipo di pianta ecco che è possibile dire che questa varietà sopravvive bene al freddo. E dunque alle temperature particolarmente rigide.

Acero Rosso
Acero Rosso

E’ però molto importante che sia protetta dai raggi diretti del sole. Ma anche protetta dagli agenti atmosferici. Di preciso a rovinare le foglie, considerate particolarmente delicate, sono la grandine ma anche la pioggia.Parlando invece delle irrigazioni è importante precisare che queste dovranno essere frequenti e allo stesso tempo anche abbondanti. E’ però necessario controllare che il terreno sia sempre ben asciutto prima di procedere con l’irrigazione. Soprattutto nel caso in cui l’acero rosso palmato sia coltivato in vaso. Infine è opportuno sapere che il periodo considerato perfetto per la potatura è l’inverno. Ma coloro che lo desiderano potranno farlo anche nel mese di marzo, e quindi ad inizio primavera.

Read previous post:
Beagle Nano
Beagle nano: caratteristiche fisiche, prezzo e carattere

Piccolo, allegro e curioso. Sono queste alcune delle caratteristiche fisiche e caratteriali che contraddistinguono il Beagle Nano. Questa viene considerata una...

Close