Home » Cimici da letto: come riconoscerle e cosa succede se si viene punti
Abitare

Cimici da letto: come riconoscerle e cosa succede se si viene punti3 minuti di lettura

Cimici da Letto
Cimici da Letto

Molto piccoli e particolarmente fastidiosi, le cimici da letto sono molto difficili da debellare in caso di infestazione. Ma, come si presentano e cosa fare in caso di puntura?

Cimici da letto: cosa sono e come riconoscerle

Appartenenti alla famiglia delle Cimicidae, quando si parla di cimici da letto si fa riferimento a piccoli insetti succhiatori di sangue chiamati anche cimici del materasso. Questi solitamente vivono nelle camere da letto e tendono a pungere nel corso della notte proprio perchè attratte in particolar modo dal calore che nel corso della notte si crea in queste camere. Come riconoscere le cimici da letto? A tale domanda è possibile rispondere affermando che quelle adulte sono grandi quanto il seme di una mela o quanto una lenticchia. Sono di forma ovale e piatta ed inoltre sono anche lunghe circa 5 millimetri. La colorazione è rosso-marrone.

La vita media delle cimici da letto è di 9 mesi e nel corso di tale vita le femmine arrivano a deporre fino a 500 uova. Ognuna di questa è grande un millimetro circa ed è rivestita da una sostanza biancastra o trasparente e particolarmente appiccicosa. Dal momento in cui le uova si schiudono ecco che le cimici impiegano 6 settimane per raggiungere lo stadio adulto. Capire di avere le cimici nel letto è possibile oltre che per la classica puntura anche per la presenza di:

  • macchie fecali: queste è possibile trovarle sia sulle lenzuola sia su altri complementi di arredo presenti nel letto;
  • chiazze bianche: queste potrebbero essere le uova delle cimici che si sono appena dischiuse;
  • esuvie: questo è il termine con il quale si fa riferimento al rivestimento rigido del corpo degli insetti. Un rivestimento che le cimici tendono a perdere durante la crescita.
Cimici da Letto
Cimici da Letto

Evitare l’infestazione: come fare

Evitare l’infestazione è possibile o no? Assolutamente si. Dopo essersi accorti della presenza delle cimici da letto occorre:

  • osservare bene nelle crepe di pavimento e muri. E ancora tra le fessure dell’intelaiatura del letto;
  • cercare l’eventuale presenza di macchie nere tra le lenzuola oppure chiazze di sangue;
  • passare l’aspirapolvere sull’intelaiatura del letto;
  • lavare i vestiti contaminati;
  • lavare e asciugare per bene la biancheria a temperatura alta.

Puntura cimici da letto

Nel caso in cui si venga punti dalla cimice da letto è possibile notare subito il manifestarsi di ponfi rossastri di solito in serie ed allineati accompagnati poi da una sensazione di intenso prurito. Nel caso in cui si venga morsi più volte nel corso del tempo ecco che i sintomi potranno presentarsi anche in maniera più pronunciata. Ci sono casi in cui in seguito alla puntura da cimici da letto si possono sviluppare delle cicatrici o delle infezioni della pelle.

In altri casi invece potrebbe verificarsi anche una reazione allergica sistemica piuttosto severa. Nella maggior parte dei casi tali punture possono tranquillamente essere gestite a casa ma nel caso in cui si presentino altri sintomi è consigliato consultare un medico. Nel caso specifico è opportuno farlo quando si verificano:

  • vertigini o svenimento;
  • gonfiore a labbra e lingua;
  • dolore al petto;
  • mancanza di respiro e respiro sibilante;
  • febbre;
  • difficoltà a deglutire;
  • prurito in tutto il corpo.
Read previous post:
Dieta Dottor Mozzi
Dieta Dottor Mozzi: tutto quello che occorre sapere

Sperimentata per la prima volta nel lontano 1957 dal neuropata americano James D'Adamo, la dieta del gruppo sanguigno si è...

Close