Home » Acacia, proprietà: come coltivare la pianta simbolo dell’immortalità?
Abitare

Acacia, proprietà: come coltivare la pianta simbolo dell’immortalità?2 min read

Acacia
Acacia

L’acacia appartiene ad un genere di piante molto conosciute. Quello che in tanti non sanno è che all’interno di questo genere di piante sono presenti circa 1300 specie diverse in tutto il mondo. Tra queste ben 960 circa sono originarie dell’Australia mentre invece la restante parte si trovano diffuse in regioni particolarmente calde dove vi è un clima tropicale.

Nello specifico è possibile trovarle in Africa, nelle Americhe oppure ancora nel sud-est asiatico. E tra le diverse specie appartenenti al genere Acacia vi troviamo anche la mimosa.

Coltivazione

Se la domanda che vi state ponendo in questo momento è come poter coltivare il genere di pianta acacia, ecco qui di seguito troverete le risposte che state cercando. Per prima cosa è importante precisare, e di conseguenza sapere, che questo genere di piante appartenenti precisamente alla famiglia delle Mimosaceae, preferiscono un terreno asciutto. Questo non dovrà essere calcareo e dovrà essere ben drenato.

Poi ancora è necessario riparare tale pianta da venti particolarmente freddi. Se coltivate in zone dal clima freddo allora il consiglio è quello di coltivarle in vaso in modo tale da poter mettere la pianta al riparo nel corso dei mesi freddi ovvero nei mesi invernali. La fioritura è solitamente prevista nei mesi invernali oppure all’inizio della primavera e proprio dopo la fioritura è consigliato effettuare una potatura della pianta.

Proprietà

Quello che molti non sanno è che a questa pianta sono legate molte proprietà.Nello specifico è necessario precisare che si tratta di una pianta officinale appartenente alla famiglia delle Fabacee. Sono molte le proprietà curative legate a questo genere di piante e nello specifico, tra queste proprietà, vi troviamo quella antinfiammatoria, antisettica e astringente. A donare all’Acacia queste proprietà sono i principi attivi di cui è ricca. Stiamo parlando dei flavonoidi, dei derivati mucillagini e flavinici e poi ancora tra i principi attivi di cui è ricca vi troviamo i tannini catechici. E parlando proprio di proprietà e benefici non può non essere citato il miele di acacia.

Acacia
Acacia

Uno dei più conosciuti e allo stesso tempo apprezzati. Il miele di acacia ha un sapore molto delicato e poi ancora l’indice di acidità è davvero molto basso. Il miele di acacia è ricco di crisina ovvero un flavonoide molto importante e potente che svolge un ruolo molto importante. E’ infatti in grado di inibire lo sviluppo di tumori maligni.

Controindicazioni

In realtà è possibile affermare che all‘acacia non sono legate particolari controindicazioni. Vi sono comunque degli effetti collaterali legati alla presenza, nell’Acacia, dei tannini. Tra questi effetti collaterali vi troviamo ad esempio l’irritazione gastrica.

Curiosità

La parola Acacia deriva dal greco e, per essere più precisi, dal termine akakia. Tradotta questa parola significa innocenza, candore e probabilmente tale nome è dovuto proprio alla bellezza dei suoi fiori. Inoltre, nonostante sia una pianta molto conosciuta, non tutti sanno che viene considerata il simbolo dell’immortalità e questo perché è in grado di resistere al disseccamento. Proprio per tale motivo nel Medio Oriente viene considerata di buon auspicio.

Leggi articolo precedente:
Bracco
Bracco: aspetto e carattere del cane italiano e tedesco

Tra le razze di cani da caccia che meritano di essere citate vi troviamo il cane Bracco. All'interno di tale...

Chiudi