News

Chow Chow: origini, aspetto e la leggenda della lingua blu

Chow Chow
Chow Chow

Tra i cani di taglia media, non possiamo non annoverare il Chow chow. Si tratta di una delle razze più antiche e proprio per questo motivo sembra molto difficile poter risalire alla sua origine. Per via del suo aspetto, può essere addirittura scambiato per un cane orso o per un leone, così come spesso viene denominato. Questo per via del folto pelo di cui questa razza di cane è dotato, ma anche per via del suo carattere.

Origine

Lo abbiamo anticipato, si tratta della razza canina più antica al mondo e la sua origine pare sia piuttosto incerta. Ciò che è certo è che questa razza canina è divenuta molto popolare in Cina almeno 2000 anni fa. Qui pare Fosse particolarmente apprezzato dagli imperatori sia per la sua forza, che anche per le doti di Fiuto di cui è dotato. Alcuni esemplari vennero introdotti nel 1780 in Inghilterra da alcuni mercanti cinesi. Per via delle sue caratteristiche sopra citate, il chow chow divenne anche un cane da guardia, oltre che da caccia. Al giorno d’oggi i cinesi pare vadano alla ricerca sia della carne di questo cane, che dalla sua pelliccia. I coreani e anche i cinesi allevano questo cane a scopo culinario.

Caratteristica

Chow Chow
Chow Chow

Questo cane ha un aspetto molto imponente, piuttosto solido e compatto. E’ inoltre caratterizzato da un pelo molto folto, ha una testa imponente, il muso corto e nello stesso tempo ampio e delle mandibole piuttosto pronunciate. Gli occhi sono di colore scuro e nella maggior parte dei casi affossati, tanto da sparire quasi nel pelo. Le orecchie sono invece dritte e molto piccole rispetto alla stanza.

Il chow chow sembra abbia delle caratteristiche singolari ovvero il fatto di avere la lingua, il palato e le gengive di colore blu o nere. Riguardo il pelo, questo può essere lungo, oppure corto.

La leggenda sul colore blu della lingua

Il Chow Chow ha una particolarità ovvero quella di avere la lingua dal colore blu tendenzialmente al nero. Esiste una leggenda cinese che spiega in qualche modo questa strana colorazione molto particolare. Ebbene, secondo questa leggenda un monaco un giorno si ammalò e le sue condizioni di salute diventarono così tanto gravi, tanto da dover essere costretto a rimanere a letto. Purtroppo viste le sue condizioni, il Monaco non potette neanche procurarsi la legna per poter scaldarsi e accendere il fuoco. Furono proprio i suoi cani ad aiutarlo, uscendo nel bosco e raccogliendo la legna da ardere.

Sì narra che alcuni alberi della foresta fossero stati bruciati a causa di un incendio e al suolo pare fossero rimasti alcuni pezzi di legno completamente carbonizzato. I cani avendo raccolto Questi pezzi di legno carbonizzati e portandoli in bocca, si colorano le lingue proprio del colore del legno bruciato.

Curiosità

Il Chow Chow si adatta bene all’ambiente e più nello specifico ama vivere in casa, anche se non disdegna vivere in giardino. Riguardo la sua salute,  si tratta di un cane dalla testa molto robusta ma proprio questa conformazione può creare a volte dei problemi. Soffre ad esempio particolarmente il caldo e il muso piuttosto corto e schiacciato, provoca talvolta dei problemi nella respirazione.

Altro... News
Nutria
Nutria, descrizione e caratteristiche: quanto è pericolosa per gli orti?

Avete mai sentito parlare o visto una Nutria? Chiamata anche myocastor coypus, la nutria è un mammifero roditore, nonché un...

Chiudi