Home » Acetone, cos’è e quando si manifesta: ecco i sintomi
Vivere

Acetone, cos’è e quando si manifesta: ecco i sintomi3 minuti di lettura

Acetone
Acetone

Tra i disturbi che colpiscono spesso i bambini, e che proprio per tale motivo vengono definiti ‘tipici’ vi troviamo l’acetone. Noto anche con il termine ‘chetosi’. Ma quali sono le cause di tale disturbo? E soprattutto quali sono i sintomi che si presentano?

Acetone, che cos’è e quando si manifesta

Quando si parla di chetosi, noto anche con il termine acetone, si fa nello specifico riferimento ad un disturbo del metabolismo. Di preciso si verifica quando l’organismo per produrre energia non brucia zuccheri ma grassi. Solitamente tale disturbo si presenta nei più piccoli in determinate situazioni. Ovvero quando il bambino ha avuto qualche giorno di febbre. Oppure se il piccolo è particolarmente stressato. O ancora se il bambino ha digiunato per molto tempo. Anche se vi sono circostanze in cui tale disturbo si presenta in seguito al digiuno notturno. Se la domanda che in questo momento vi state ponendo è ‘Come mai l’acetone viene considerato un disturbo tipico dei bambini?’ ecco che qui di seguito troverete la risposta a tale domanda. E’ infatti possibile dire che ad essere maggiormente colpiti dall’acetone sono i bambini perché gli organi nei quali gli zuccheri vengono immagazzinati, e quindi fegato ma anche i muscoli, non sono come quelli di una persona adulta. Ovvero hanno, rispetto a quelli di quest’ultimi, capacità di stoccaggio limitata.

Acetone, sintomi

Una volta chiarito a cosa ci si riferisce quando si parla di acetone ecco che è importante precisare, e quindi sapere, quali sono i sintomi legati a tale disturbo. Nello specifico è possibile affermare che il sintomo caratteristico di tale disturbo è un particolare odore nell’alito. Questo infatti sembrerebbe riportare al profumo di frutta matura. E ancora, tra gli altri sintomi legati all’acetone o chetosi vi troviamo invece il mal di testa, spossatezza e inappetenza. Ma anche dolori addominali e vomito. Di preciso, facendo riferimento a quest’ultimo sintomo, è necessario precisare che questo può presentarsi in diverse forme. Ovvero in forma più leggera. Ma vi sono casi in cui il vomito è invece intenso tanto da poter provocare uno stato di disidratazione.

Acetone
Acetone

Cosa fare in caso di acetone

In caso di acetone è importante sapere come comportarsi. E quali alimenti assumere ma anche quali evitare. Nel caso in cui un lieve acetone si presenta nel corso della notte bisogna concentrarsi sull’assunzione di zuccheri e di acqua. E quindi seguire una dieta che sia priva di grassi. Tra gli alimenti che possono essere assunti in caso di acetone vi troviamo il latte. O scremato o parzialmente scremato. Poi ancora yogurt magro, marmellata, miele, camomilla, acqua. Fette biscottate, pane, succhi di frutta. E ancora pasta, semolino, riso, brodo vegetale, legumi. Cane bianca, e tra queste il vitello, il coniglio, il pollo. Ma anche pesce e verdure. Mentre invece tra gli alimenti da evitare vi troviamo lo yogurt magro e il latte intero. Il gelato, il burro. Le brioches, le carni rosse e i salumi. Gli insaccati, uova, formaggi, maionese, panna, crema, merende confezionate. Burro, cioccolata e altro ancora.

Read previous post:
Dopamina
Dopamina, cos’è?: ecco quali sono le funzioni svolte

Cosa si intende quando si parla di dopamina? E come funziona? Sono queste alcune delle domande che alcune persone sono...

Close