Home » Tigna, cos’è: quali sono le cause e come trattare il problema
Vivere

Tigna, cos’è: quali sono le cause e come trattare il problema2 minuti di lettura

Tigna
Tigna

Sarà capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di sentir parlare di tigna. Ma non tutti sanno che dietro tale nome, che non sembrerebbe promettere nulla di buono, si nasconde proprio un’infezione che colpisce la pelle. Ma quali sono le cause? Potrete scoprirle qui di seguito.

Tigna, cos’è

Quando si parla di tigna si fa riferimento ad una particolare infezione della pelle, tipo micosi, non pericolosa in maniera particolare. Un’infezione che crea una serie di squame rossastre il cui aspetto è caratteristico. Il nome medico con cui tale infezione è maggiormente conosciuta è ‘tinea corporis’ e può colpire sia gli uomini sia gli animali. Al principio la tigna tende a manifestarsi con la comparsa di zone arrossate e particolarmente pruriginose che possono svilupparsi in tutto il corpo e che con il trascorrere del tempo assumono l’aspetto tipico delle eruzioni cutanee da tigna. La forma tipica è definita ‘ad anello’. A seconda della tipologia di tinea interessata ecco che la tigna può assumere diverse caratteristiche e soprattutto può interessare diverse parti del corpo. E’ infatti possibile parlare di tinea cruris legata all’area inguinale, tinea capitis, legata al cuoio capelluto e tinea barbae nei casi in cui la tigna si manifesta sulla cute nascosta dalla barba. E’ poi possibile parlare di tinea pedis e tinea corporis. In quest’ultimo caso si fa riferimento alla tipologia di tigna in cui tutta la superficie dell’uomo è infetta.

Cause

Una volta chiarito a cosa ci si riferisce quando si parla di tigna è adesso opportuno anche precisare da cosa questa è provocata. E quindi quali sono le cause? A tale domanda è possibile rispondere affermando che la tigna è provocata di preciso da un gruppo di funghi definiti ‘dermatofiti’ i quali si nutrono della cheratina che si trova sulla pelle. La tigna è una malattia comune e allo stesso tempo anche parecchio contagiosa. Il contagio può avvenire attraverso il contatto con indumenti, oggetti o asciugamani ovviamente infetti ma non solo. Può essere trasmessa anche da persona a persona. Ma cosa fare per evitare il contagio? Esistono delle buone regole da poter mettere in atto per evitare di essere contagiati. Di preciso queste sono:

Potrebbe interessarti anche: Betulla: proprietà, benefici e controindicazioni

Tigna
Tigna
  • lavarsi le mani spesso;
  • far controllare i propri animali domestici periodicamente;
  • mantenere gli spazi comuni quanto più puliti possibile e pretendere che puliti siano anche i luoghi da voi frequentati;
  • mantenere il proprio corpo fresco e asciutto;
  • evitare di indossare indumenti o oggetti di altre persone;
  • non toccare persone contagiate.

Come trattare la tigna

Non sempre la tigna può essere trattata nello stesso modo. Ma il trattamento varia a seconda dell’intensità del problema. Infatti nei casi in cui il problema in questione non è molto grave è possibile procedere con un trattamento topico a base di pomate antifungine. Al contrario invece quando la situazione è un po più seria ecco ce allora bisognerà ricorrere all’utilizzo di veri e propri farmaci dietro prescrizione del medico.

Leggi articolo precedente:
Betulla
Betulla: proprietà, benefici e controindicazioni

La betulla, il cui nome botanico è betula pendula, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Betulaceae ricca di...

Chiudi