Home » Scarlattina sintomi: ecco quali sono e come riconoscerli
Vivere

Scarlattina sintomi: ecco quali sono e come riconoscerli2 minuti di lettura

Scarlattina Sintomi
Scarlattina Sintomi

Numerose sono le malattie esantematiche che possono colpire grandi e bambini. Tra queste vi troviamo ad esempio la scarlattina che, insieme alla quinta malattia, è causata da un batterio e non da un virus. Stiamo parlando nello specifico dello streptococco β-emolitico di gruppo A (SBEGA). Ma esattamente, quali sono i sintomi e come fare per riconoscerli? Le risposte a tali domande sarà possibile trovarle qui di seguito.

Sintomi della scarlattina

Conoscere i sintomi della scarlattina è importante in quanto utili a riconoscere la malattia. A tal proposito è importante chiarire che esistono diverse fasi e ad ogni fase sono associati dei sintomi. L’esordio è di solito improvviso ed è caratterizzato dalla presenza di:

  • mal di stomaco;
  • brividi;
  • mal di testa;
  • vomito;
  • mal di gola forte con difficoltà nella deglutizione;
  • linfonodi del collo ingrossati;
  • tonsille bianche.

Questi sintomi sono gli stessi in grandi e bambini. Ma in quest’ultimo caso, ovvero nei bambini la cui età è inferiore ai 3 anni, può presentarsi anche una congestione nasale. Nei neonati invece, tra gli altri sintomi legati a questa prima fase della malattia vi troviamo anche diminuzione dell’appetito e irritabilità.

Potrebbe interessarti anche: Varicella bambini: quali sono i sintomi a cui prestare attenzione

Scarlattina Sintomi

La seconda fase è quella esantematica. Ed infatti già 12-48 ore dopo l’esordio del mal di gola ecco che sarà possibile notare la comparsa dell’esantema. La prima parte del corpo ad essere colpita sarà il viso che diventerà prima molto rosso tranne in mento, bocca e naso. Anche in questa fase la febbre continuerà ad essere molto alta. Nella terza fase la lingua si coprirà di una patina bianca che in seguito tenderà poi a desquamare fino a lasciare la lingua di colore rosso acceso. Un rosso lampone o fragola. Sempre in questa fase le macchioline rosse che prima si trovavano solo sul viso ecco che compariranno anche sugli arti e sul torace. Diventeranno evidenti in particolar modo nelle pieghe inguinali, sulla superficie interna del gomito e per finire anche sulla faccia interna delle cosce. In questa fase possono poi comparire altri sintomi. Tra questi occorre citare:

  • vomito;
  • mal di testa;
  • tonsille bianche;
  • lingua rossa;
  • mal di stomaco;
  • linfonodi del collo ingrossati.

La sesta e ultima fase della scarlattina è quella desquamativa. In pochi giorni, e di preciso in circa sei giorni, l’eruzione cutanea presente sulla pelle tenderà a sfumare e al suo posto comparirà la desquamazione. Questa potrà persistere anche per diverse settimane. Ma solitamente dura dai 10 ai 14 giorni. Ed è proprio in questa fase ce che di solito insieme alla desquamazione compare anche il prurito.

Complicazioni

Saper riconoscere in tempo i sintomi della scarlattina è importante per poter intervenire subito tramite antibiotico. In questo modo il tutto potrà risolversi in 4-5 giorni senza nessuna complicazione. In caso contrario potrebbero sorgere complicanze, tra queste:

  • febbre reumatica che può interessare cervello, pelle, articolazioni e cuore;
  • malattie renali;
  • polmonite;
  • ascessi alla gola;
  • infezioni della pelle;
  • infezioni dell’orecchio;
  • artrite.
Read previous post:
Borace
Borace: cos’è, quali sono i diversi usi e dove trovarlo

Conosciuto da molti con il suo nome chimico, ovvero tetraborato di sodio, il borace altro non è che un composto...

Close