Home » Intolleranza al glutine: quali sono i sintomi?
Vivere

Intolleranza al glutine: quali sono i sintomi?3 minuti di lettura

Intolleranza al Glutine
Intolleranza al Glutine

Al giorno d’oggi ormai sempre più spesso si sente parlare di intolleranza al glutine, un disturbo sempre più diffuso che può coinvolgere persone di diverse età e può presentarsi anche a qualsiasi età. Sono anche tanti coloro che soffrono di intolleranza al glutine senza saperlo. Quali sono quindi i sintomi ai quali occorre prestare particolare attenzione? Ma soprattutto cos’è il glutine e cosa significa esserne intolleranti?

Glutine: cos’è

Quando si parla di glutine si fa di preciso riferimento ad una proteina che si trova in alcuni cereali. Tra questi vi troviamo:

  • frumento;
  • orzo;
  • farro;
  • segale;
  • avena;
  • grano saragolla conosciuto anche come kamut.

Si tratta quindi di una proteina che ha origine dal frumento e si trova anche nelle diverse varietà di cereali affini .Per essere più precisi il glutine è quella parte callosa del chicco di grano ritenuto spesso responsabile della sensazione di gonfiore che solitamente si avverte dopo aver ingerito alcuni alimenti. Proprio il frumento è alla base di moltissimi alimenti sia dolci che salati motivo per il quale eliminare il glutine dalla propria alimentazione è piuttosto complicato.  A non contenere il glutine sono:

  • mais;
  • riso;
  • miglio;
  • grano saraceno;
  • amaranto;
  • quinoa;
  • manioca;
  • sorgo;
  • teff;
  • avena senza glutine.

Potrebbe interessarti anche: Come sbiancare i denti in modo naturale: alcuni preziosi consigli

Intolleranza al Glutine
Intolleranza al Glutine

Intolleranza al glutine: sintomi

Sono molte le persone che soffrono di intolleranza al glutine senza saperlo. Questo perché molto spesso vengono sottovalutati alcuni sintomi i quali non sempre vengono collegati a questa tipologia di intolleranza. Ovviamente i sintomi che andremo ad elencare qui di seguito non per forza devono indicare un intolleranza al glutine, potrebbero anche essere legati ad altre patologie o disturbi. Per tale motivo occorre sempre sottoporsi ad una visita medica ed effettuare le dovute analisi per poter diagnosticare un intolleranza al glutine. Tra i sintomi che compaiono più frequentemente vi troviamo:

  • Disturbi dell’ intestino irritabile: e quindi problemi digestivi ovvero gonfiore, aria nella pancia, diarrea oppure stitichezza. In quest’ultimo caso occorre prestare molta attenzione, soprattutto nei bambini, se tale sintomo tende a comparire dopo aver mangiato alimenti che contengono glutine;
  • Senso di stanchezza e di fatica: nello specifico in questi casi chi è intollerante al glutine avverte un sensazione di appesantimento psico-fisico dopo aver consumato un pasto che contiene appunto il glutine;
  • Sintomi di tipo neurologico: tra questi vi troviamo le vertigini, la sensazione di perdere l’equilibrio, giramento di testa e svenimento. Ma ancora tra i sintomi di tipo neurologico vi troviamo anche la depressione, gli sbalzi d’umore e l’ansia;
  • Emicrania: il mal di testa può comparire anche in altre situazioni o in presenza di altre patologie. Ad esempio in periodi di forte stress o nel periodo legato alla sindrome premestruale;
  • Cheratosi pilare: con tale espressione ci si riferisce a una condizione nota anche come pelle di pollo. Questa colpisce in particolar modo la parte posteriore delle braccia e potrebbe indicare una carenza di vitamina A, acidi grassi. Ma anche il malassorbimento di questi nutrienti causato proprio dal glutine all’interno dell’intestino.
Leggi articolo precedente:
Nocciole
Nocciole, non solo buone: ricche di proprietà benefiche

Tutti amano la frutta secca, e tra le diverse varietà vi troviamo anche le nocciole. A questi piccoli frutti, molto...

Chiudi