Home » Varicella sintomi: come fare a riconoscerli?
Vivere

Varicella sintomi: come fare a riconoscerli?2 minuti di lettura

Varicella Sintomi
Varicella Sintomi

Tra le diverse malattie infettive che possono colpire grandi e bambini vi troviamo la varicella. Questa è causata dal virus Vzv ovvero Varicella zoster che fa parte della famiglia degli Herpes virus. La varicella fa parte delle malattie esantematiche e tale denominazione deriva dal fatto che si manifesta tramite un’eruzione cutanea alla quale possono essere legati altri sintomi tra cui la febbre. Ma quali sono di preciso i sintomi della varicella? La risposta a tale domanda potrete trovarla qui di seguito.

Varicella: cos’è

Prima di tutto è molto importante chiarire a cosa si fa di preciso riferimento quando si parla di varicella. Questa è una malattia infettiva molto contagiosa alla quale è legato un periodo di incubazione che varia dalle 2 alle 3 settimane prima della vera e propria manifestazione dei sintomi. La varicella si manifesta con la comparsa di un esantema maculo-papuloso chiamato Rush associato poi ad una febbricola e ad una condizione di malessere generale.

Il contagio, nei primi stadi dell’eruzione, avviene attraverso le goccioline le quali possono essere emesse o attraverso gli starnuti oppure attraverso colpi di tosse. Ma anche tramite il diretto contatto con una lesione da varicella. La trasmissione della varicella può avvenire fin da uno o due giorni prima della comparsa dell’ eruzione e la sua contagiosità’ può addirittura perdurare fino alla comparsa delle croste. I più colpiti sono solitamente i bambini di età compresa fra i 5 e i 10 anni. Ma non è da escludere che anche i bambini più grandi o gli adulti possano contrarre tale virus.

Sintomi

Ma quali sono nello specifico i sintomi caratteristici della varicella? A tale domanda è possibile rispondere affermando che questi sono delle bolle che solitamente compaiono sul viso, sulla testa e sul tronco. La quantità di bolle non è uguale per ogni soggetto ma solitamente varia da persona a persona. Possono essere tante sparse nel corpo oppure alcune localizzate in specifiche zone.

Potrebbe interessarti anche: Sinusite sintomi: ecco a quali prestare attenzione

Varicella Sintomi
Varicella Sintomi

Le bolle sono rosse e pruriginose e in due giorni circa diventano poi delle vescicole e pustole acquose. Dopo una settimana invece le bolle formano una crosta che cadrà man mano che si andrà seccando. Volendo quindi fornire un piccolo e dettagliato elenco di quelli che sono i sintomi della varicella è possibile dire che questi sono:

  • comparsa di un esantema maculo-papuloso chiamato Rush che con il tempo si trasforma poi in bolle e pustole acquose;
  • vescicole che tendono a seccarsi;
  • mal di testa;
  • febbre;
  • forte prurito;
  • sensazione di malessere generale.

Proprio la comparsa delle bolle acquose contraddistinguono questa malattia esantematica dalle altre. Sarà quindi facile per il pediatra o per il medico diagnosticare la varicella. Nella fase finale della malattia, ovvero quando compaiono le croste, sarebbe bene ricordare ai bambini di non giocare con queste e non farle cadere prima del dovuto in quanto potrebbero causare la comparsa di alcune cicatrici che non andranno più via nel tempo.

Leggi articolo precedente:
Ricetta Cavolfiore
Ricetta cavolfiore: ecco come servire questo gustoso ortaggio

Tutti conoscono, e in tanti amano, i cavolfiori. Stiamo parlando di una verdura tipica della stagione fredda particolarmente ricca di...

Chiudi