Mangiare

Sesamo, descrizione della pianta: proprietà e benefici dei semi

Molto conosciuto soprattutto grazie ai suoi semi particolarmente presenti nell’alimentazione dell’uomo. Stiamo nello specifico parlando del sesamo, termine con il quale si fa riferimento ad una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Pedaliceae.

Ma esattamente quali sono le sue proprietà? E quali sono i benefici che è in grado di apportare all’organismo dell’uomo? Ecco che proprio qui di seguito potrete trovare tutte le risposte alle vostre domande.

Sesamo, descrizione della pianta

Quando si parla del sesamo si fa dunque riferimento ad una pianta erbacea annuale le cui origini sono legate ai paesi orientali. Di preciso le origini della pianta del sesamo sono legate all’India e all’Africa. Tale pianta può arrivare a raggiungere un’altezza di 50 cm, in alcuni casi anche 100 cm e le sue foglie sono lanceolate e anche parecchio lunghe. Parlando invece dei fiori del sesamo ecco che è possibile affermare che questi sono di colore bianco e di forma tubolare. La loro lunghezza invece varia tra i 3 e i 5 cm.

Parlando invece dei semi del sesamo ecco che è possibile dire che questi si presentano di piccole dimensioni e il loro colore non è sempre lo stesso ma può essere o bianco oppure nero. Proprio la differenza tra un colore e l’altro dipende dalla varietà. Tra le due tipologie quelli meno rari e quindi di conseguenza anche facilmente reperibili sono i semi di sesamo di colore bianco.

Sesamo, proprietà e benefici

Le proprietà legate ai semi di sesamo sono molteplici. E di conseguenza anche i benefici in grado di apportare al nostro organismo. Parlando di quello che è il loro valore nutrizionale ecco che è possibile dire che proprio i semi di sesamo vengono considerati una fonte molto importante di vegetali di calcio. Inoltre contengono magnesio, fosforo, zinco, calcio, selenio e proteine. Essendo ricchi di calcio, tali semi vengono considerati anche molto importanti per prevenire alcune specifiche ed importanti malattie come l’osteoporosi.

Soprattutto nel periodo legato alla menopausa. Inoltre per coloro che soffrono di intolleranza ai latticini ecco che proprio i semi di sesamo vengono considerati molto importanti in quanto in grado di rafforzare ossa e denti. Tra i benefici che i semi di sesamo sono in grado di apportare all’organismo vi troviamo anche la capacità di ridurre il colesterolo. E questo grazie all’acido folico e alle vitamine appartenenti al gruppo B presenti nei semi di sesamo e che permettono a quest’ultimi di apportare all’organismo acido linoleico e acido oleico.

Grazie a questi l’organismo riesce a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo, indicato con la sigla LDL e allo stesso tempo aumentare quelli che sono i livelli di colesterolo buono indicato con la sigla HDL. Tra le proprietà legate ai semi di sesamo vi troviamo anche quelle antiossidanti e anticancro. Ad inibire lo sviluppo, nello specifico, del cancro al colon sembrerebbe essere l’acido fitico. In ultimo è possibile affermare che proprio i semi di sesamo si rivelano utili per migliorare la digestione, stimolare la circolazione, ridurre dolori articolari e reumatismi e molto altro ancora.

Tags
Altro... Mangiare
Segale
Segale, storia e descrizione: le sue proprietà

Sono diversi i cereali presenti in natura ed ecco che proprio tra i più diffusi vi troviamo la segale. Cereale...

Chiudi