Abitare Fai da Te

Pellet, cos’è?: ecco quali sono i vantaggi e perché acquistarlo

Pellet
Pellet

Oggi, sempre più spesso, si parla di pellet. Ma davvero tutti sanno a cosa ci si riferisce con tale termine? Inoltre molto spesso ci si chiede quali siano gli usi che è possibile farne e quindi per cosa viene utilizzato.

A proposito di ciò è importante precisare che sono davvero tanti i vantaggi legati a questo particolare materiale, considerato anche un fantastico combustibile di biomassa compressa.

Pellet, cos’è?

Prima di parlare di quelli che sono i diversi usi che è possibile farne e quali siano i vantaggi e gli svantaggi legati al pellet, è importante precisare a cosa ci si riferisce con tale termine. Quando si parla di pellet si fa nello specifico riferimento ad alcuni cilindretti di legno vergine pressato. Tali cilindretti hanno una lunghezza che varia tra i 5 e i 40 millimetri mentre invece il loro diametro è compreso tra i 6 e gli 8 mm. È possibile trovarlo in commercio e soprattutto è necessario precisare che la sua provenienza è legata alla lavorazione degli scarti del legno.

La forma che presenta, ovvero quella di cilindretti, si ottiene in seguito ad un processo di compressione al quale viene sottoposta la segatura di legno. Per ottenere un pellet di qualità è necessario che la materia prima e quindi il legno utilizzato non contenga dei composti chimici come ad esempio vernici oppure impregnanti o colla e poi ancora è importante che non contenga della sabbia. Inoltre, per chi non lo sapesse, il pellet presente in commercio è solitamente ottenuto dal legno di faggio, pino, quercia e per concludere dal legno di abete.

Differenze tra pellet di legno diverso

Come affermato in precedenza, in commercio è possibile trovare pellet ottenuto dal legno di faggio, pino, quercia e abete. Nello specifico facendo riferimento a quello ottenuto dal legno di pino è possibile affermare che la resa è alta, il consumo è minore e anche il residuo è medio. Il pellet ottenuto dal legno di faggio favorisce una resa maggiore ma anche un consumo maggiore mentre invece il residuo è minore. Quello ottenuto dal legno di abete presenta una resa considerata inferiore, anche se di poco, rispetto al faggio. Anche il consumo e i residui sono minori. Infine, il pellet ottenuto dal legno di quercia presenta una resa uguale a quella del legno ottenuto dal faggio ma con un maggior residuo.

Pellet
Pellet

Pellet, vantaggi

Come affermato poc’anzi, sono davvero tanti i vantaggi legati all’utilizzo delle pellet. Per prima cosa è importante sottolineare che si tratta di un prodotto naturale facilmente reperibile anche in zone locali. Poi ancora, tra i vantaggi vi troviamo quello di essere ecologico in quanto una volta bruciato produce anidride carbonica. Questa viene assorbita dalle piante e quindi ritorna in quello che è il ciclo di vita della natura ed inoltre una volta bruciato non emette delle sostanze nocive.

Poi ancora, analizzando quelli che sono i numerosi vantaggi vi troviamo il suo essere economico rispetto a quelli che sono i costi legati a gasolio e metano. E’ inoltre sicuro e pulito ed è dotato di un alto potere calorico.

Altro... Abitare, Fai da Te
Gardenia
Gardenia: descrizione e coltivazione in vaso oppure in giardino

Tra le piante appartenenti alla famiglia delle Rubiaceae vi troviamo la Gardenia. Le origini di tale pianta sono legate precisamente...

Chiudi