Benessere Salute

Metabolismo basale: cos’è, come calcolarlo e come accellelarlo

Metabolismo Basale
Metabolismo Basale

Avete mai sentito parlare del metabolismo basale? Dall’inglese basal metabolic rate, il metabolismo basale altro non è che un dispendio energetico relativo al organismo vivente, quando si trova a riposo. Dunque, il metabolismo basale comprende quell’energia che è utile per poter mettere in moto quelle funzioni metaboliche vitali come la digestione, la respirazione, la circolazione sanguigna e l’attività del sistema nervoso. In un individuo particolarmente sedentario, il metabolismo basale rappresenta circa il 70% del dispendio energetico totale, mentre nelle donne risulta più alto rispetto che negli uomini. Ciò che non tutti sanno è che il metabolismo basale va a diminuire con l’avanzare dell’età e nello specifico tra i 60 e i 90 anni diminuisce di circa il 8%. Questo calo così brusco è evidente si può rallentare praticando un’adeguata attività fisica.

Cos’è e perché calcolarlo

In parte lo abbiamo già detto, il metabolismo basale è chiamato anche tasso metabolico basale, va di indicare quella quantità di energia utile per garantire il funzionamento di processi vitali importanti per il nostro organismo. Conoscere il proprio metabolismo basale è importante soprattutto per coloro che vogliono dimagrire e quindi devono pianificare una dieta. Il metabolismo basale, infatti aiuta a capire qual è il fabbisogno calorico di ciascuno, evitando di assimilare delle calorie in più rispetto a quelle che effettivamente risultano necessarie.

Potrebbe anche interessarti: Acqua Sant’Anna: origine, storia, caratteristiche e proprietà

Calcolo del metabolismo basale

Questo si calcola in kcal e va a misurare l’intero consumo energetico di un organismo a riposo. È proporzionale alla massa grassa. Tuttavia, per poter conoscere i valori relativi al proprio metabolismo basale, è importante effettuare tutta una serie di calcoli che vanno però effettuati la mattina a digiuno. E importante che la persona si trovi in un ambiente con una temperatura confortevole e in condizioni di assoluto riposo. Se vi state chiedendo come si effettua il calcolo vi diciamo subito che vi è bisogno di un calorimetro. Questo va a misurare la quantità di ossigeno che viene impiegata nella funzione delle kcal di cibo assunto e di conseguenza metabolizzato. Per semplificare il calcolo sono presenti delle formule, che però forniscono dei risultati piuttosto approssimativi.

Queste sono le formule Harris e Benedict, ovvero:

uomo: 66,5 + (13,75 x kg) + (5,003 x cm) – (6,775 x anni)
donna: 655,1 + (9,563 x kg) + (1,850 x cm) – (4,676 x anni)

Da cosa è influenzato il metabolismo basale

Metabolismo Basale
Metabolismo Basale

Sembrano essere tanti gli elementi che influenzano il metabolismo basale. Ecco i principali:

  •  stati di ansia
  • innalzamento della temperatura corporea
  • temperatura esterna
  • gravidanza e allattamento
  • massa magra dell’individuo
  • stato nutrizionale e tipologia di dieta
  • utilizzo di farmaci.

Come accelerare il metabolismo basale

Chi ha un metabolismo basale lento, desidera accelerarlo soprattutto per ripristinare il consumo energetico e smaltire quelle che sono le calorie di troppo. Cosa fare, dunque, per risvegliare il proprio metabolismo? Ecco alcune utili consigli:

  • fare attività fisica almeno tre volte alla settimana e preferibilmente al mattino
  • stare attenti all’alimentazione e dunque via libera le proteine alle fibre
  • bere almeno due litri di acqua al giorno
  • non saltare mai i pasti compresa la colazione e fare gli spuntini tra un pasto principale e l’altro.
Il presente sito utilizza cookies di terze parti per offrirti una migliore esperienza digitale. Maggiori informazioni | Chiudi
Altro... Benessere, Salute
Musicoterapia
Musicoterapia, cos’è e quali sono i principali benefici in medicina

Particolarmente benefica è la musicoterapia. Questa è una disciplina, basata principalmente sull'utilizzo della musica che viene utilizzata come strumento riabilitativo,...

Chiudi