Home » Guaranà: quali sono le proprietà, benefici e controindicazioni
Mangiare

Guaranà: quali sono le proprietà, benefici e controindicazioni3 minuti di lettura

Guaranà
Guaranà

Capita spesso di sentir parlare di una particolare pianta nota soprattutto per il suo effetto energizzante simile a quello della caffeina. Stiamo nello specifico parlando del ‘guaranà‘, pianta alla quale sono legate delle proprietà e benefici ma anche delle controindicazioni.

Guaranà: cos’è e qual è la sua storia

Quando si parla di guaranà, il cui nome botanico è Paullinia cupana, si fa riferimento ad una pianta le cui origini sono legate ad un passato lontano e sono da ricondurre agli antichi abitanti dell’Amazzonia. Questi erano infatti convinti che nascesse dagli occhi degli dei. Una convinzione legata all’aspetto particolare del seme.

In realtà in pochi sanno che al guaranà è legata anche una leggenda secondo la quale due giovani indigeni che facevano parte di due diverse tribù finirono per innamorarsi e nel tentativo di coronare il loro grande amore fuggirono. Nella fuga però si sarebbero imbattuti in un anaconda che avrebbe reagito stringendoli tra le sue spire. Gli altri membri della tribù a questo punto invocarono la Dea della bellezza la quale accorse in aiuto dei due giovani innamorati e fece crescere una pianta in grado di donare frutti che si schiudono come gli occhi neri della ragazza.

Proprietà e benefici

Al guaranà sono legate anche delle importanti proprietà e benefici. La proprietà principale è quella legata ai suoi effetti energizzanti motivo per il quale viene considerato simile alla caffeina. L’unica differenza è che il suo rilascio nell’organismo avviene in maniera più lenta e quindi questo comporterebbe effetti più potenti e allo stesso tempo più duraturi. Nello specifico il guaranà agisce stimolando il sistema nervoso centrale motivo per il quale una sua assunzione in quantità ridotte potrebbe rivelarsi utile per contrastare il senso di affaticamento e allo stesso tempo innalzare i livelli di energia.

Gua
Guaranà

Al guaranà sono quindi legati importanti effetti come quello stimolante e tonificante ma allo stesso tempo il frutto in questione possiede anche altre importantissime proprietà. Quali sono? Quelle diuretiche, antiossidanti, dimagranti e cardiotoniche. Ma non solo, è anche considerato molto utile per disintossicare l’apparato intestinale e per contrastare la stitichezza. E’ infine possibile dire che al guaranà è legato un potente effetto calmante in riferimento al senso di fame. Per tale motivo potrebbe rivelarsi di supporto nella perdita di peso. Quali sono le dosi consigliate? Per periodi prolungati intervallati da 15 giorni di pausa è consigliata l’assunzione di 3 grammi circa di guaranà. Come assumerlo? Basterà sciogliere in mezzo bicchiere di succo di frutta oppure di acqua 1 cucchiaio di polvere di guaranà e assumerlo 1 massimo 2 volte al giorno.

Controindicazioni

Se la domanda che vi state ponendo in questo momento è ‘Quali sono le controindicazioni legate al guaranà?’ è possible rispondere affermando che in realtà queste non sono molte. Essendo però una pianta stimolante è sconsigliata per coloro che soffrono di tachicardia e palpitazioni ed inoltre è anche sconsigliata per coloro che soffrono di ansia e di insonnia in quanto potrebbe peggiorarne lo stato. Infine il guaranà è anche sconsigliato ai bambini e a tutti coloro che soffrono di ipertiroidismo.

Read previous post:
Saluto al Sole
Saluto al sole: cos’è e quali sono i benefici per l’organismo

Surya Namaskār, è questa l'espressione utilizzata in sancrito per indicare una particolare e nota pratica yoga molto conosciuta semplicemente come...

Close