Home » Ciclamino: etimologia, descrizione e coltivazione in vaso
Abitare

Ciclamino: etimologia, descrizione e coltivazione in vaso3 minuti di lettura

Ciclamino
Ciclamino

Tra le piante più amate oltre che conosciute vi troviamo il Ciclamino, il cui nome scientifico è Cyclamen. Si tratta nello specifico di un genere di piante che fa parte della famiglia delle Primulaceae di cui ne esistono diverse varietà.

Etimologia

Prima di descrivere la pianta e i suoi fiori è importante fornire alcune informazioni sul nome della pianta in questione. Nello specifico è possibile affermare che il nome del genere della pianta ovvero Cyclamen deriva esattamente da una parola di origine greca ovvero kyklos che tradotta significa cerchio. E forse proprio tale denominazione è legata alle sue radici che si presentano tuberose rotonde. Ad introdurre il termine Cyclamen è stato un uomo di nome Joseph Pitton de Tournefort, famoso botanico francese.

In seguito a tale introduzione ecco che vi è stato anche un altro uomo che si è espresso in merito avvalorando quanto in precedenza aveva confermato il botanico francese. Nello specifico stiamo parlando di un altro botanico e naturalista svedese di nome Carl von Linné.

Descrizione

Dopo aver precisato quelle che sono le origini del nome di tale genere di piante ecco che è necessario descrivere la pianta in questione. A tal proposito è possibile affermare che le piante appartenenti a questo genere sono definite basse erbacee a carattere cespitoso. Le radici sono definite secondarie fuoriuscenti e sono disposte intorno ad un bulbo arrotondato chiamato tubero.

Il fusto della pianta appartenente al genere ciclamino è diviso in due diverse parti di cui una è interrata ed in questo caso il tubero è più o meno sferico. Mentre invece la seconda parte è chiamata aerea e si tratta di uno scapo fiorale definito semplice dove non vi sono foglie.

Proprio le foglie di questo genere di piante sono basali e le forme possono essere diverse ma sono comunque sempre indivise e hanno un picciolo lungo. I fiori del ciclamino sono veramente belli e nello specifico la fioritura di fiori e foglie è perenne ovvero sono prodotte tutto l’anno con particolare continuità. Il colore dei fiori varia a seconda della specie di ciclamino ma comunque questi possono essere bianchi oppure rossi oppure rosa o infine anche porpora.

Ciclamino
Ciclamino

Coltivare il ciclamino in vaso

Se da una parte è possibile affermare che coltivare il Ciclamino in vaso non è molto semplice, dall’altra parte è anche possibile dire che sono molti gli amanti di questa pianta, i quali decidono di farlo comunque. Per poter coltivare il Ciclamino in vaso bisogna seguire alcuni piccoli accorgimenti. Ad esempio è importante sapere che nel corso della stagione autunnale la pianta va posizionata in una zona dove la temperatura non va oltre i 15 gradi.

Questo infatti rappresenta un periodo molto importante per il Ciclamino in quanto è quello in cui sviluppa sia i fiori che le foglie. Poi ancora è possibile tenere la pianta anche in casa ma bisogna prestare attenzione a non posizionarla vicino a delle fonti di calore. Si potrebbe anche scegliere di posizionare la pianta in una zona esterna della casa ma bisogna prestare attenzione alla temperatura. Infatti il Ciclamino può essere posizionato all’esterno ma dove le temperature non sono troppo rigide e soprattutto bisogna prestare attenzione alle ore notturne.

Read previous post:
Struzzo
Struzzo: origini, habitat, aspetto e diverse sottospecie

Molto conosciuto e allo stesso tempo apprezzato da tante persone, lo struzzo è un animale protagonista di molti racconti. Se...

Close