Home » Basilico: come utilizzarlo in cucina e come conservarlo per l’inverno
Mangiare

Basilico: come utilizzarlo in cucina e come conservarlo per l’inverno

Basilico
Basilico

In estate il basilico è piuttosto utilizzato in cucina per la preparazione di varie pietanze soprattutto insalate. Il Basilico è una pianta annuale erbacea, la quale appartiene ad una famiglia chiamata Lamiaceae. Questa generalmente è coltivata come una pianta aromatica ed è anche una delle spezie più utilizzate e soprattutto più popolari. Il basilico è originario dell’India ma è anche molto utilizzato nella cucina del nostro paese, così come in quelle della Tailandia, Taiwan, del Vietnam e della Cambogia. Questo per via del profumo piuttosto intenso delle sue foglie. Il nome basilico pare derivi dal latino medievale e più nello specifico dal termine basilicum che pare abbia un’origine greca. Quindi la sua etimologia è piuttosto incerta. Alcuni sostengono che questa pianta sia stata chiamata così perché utilizzata per la produzione dei profumi per il re. Al giorno d’oggi è anche chiamato in alcuni paesi erba di San Giuseppe.

Il basilico in cucina

Lo abbiamo già detto, si tratta di una pianta molto utilizzata in cucina per la preparazione di vari piatti Ma soprattutto di insalate. Non è tipica soltanto della tradizione culinaria italiana, ma anche di altri paesi sopracitati. In genere il basilico è molto utilizzato per insaporire delle pietanze a base di pesce, ma anche per dare sapore alle zuppe. Questo per lo più in Italia, mentre in Thailandia pare sia utilizzato con il pollo fritto e addirittura alcune gelaterie lo aggiungono ad alcuni gusti di gelato. Non sono commestibili soltanto le foglie, ma anche i boccioli e pare che proprio questi siano ricchi di proprietà benefiche. Anche questi possono essere utilizzati in cucina ad esempio per preparare dei dolci  Oppure delle tipiche bevande asiatiche.

Proprietà medicinali

Basilico
Basilico

Il basilico può essere utilizzato anche per altri scopi e dunque sfruttando le sue proprietà medicinali. Nello specifico Nella medicina ayurvedica il basilico è utilizzato perché pare abbia delle ottime proprietà curative tanto da essere chiamato basilico Benedetto in India. E’ utilizzato per preparare degli integratori volti a favorire la salute delle vie respiratorie. È particolarmente noto anche per lenire alcuni disturbi allo stomaco e in generale per migliori la digestione. Inoltre, sembra che possa anche favorire il sonno. Per tutte queste finalità pare però che si preferisca utilizzare lolio essenziale di basilico.

Come conservare il basilico

Trattandosi di una pianta aromatica particolarmente diffusa in estate, qui di seguito vi indicheremo alcuni trucchi per poter conservare il basilico anche per l’inverno. Innanzitutto dovete tagliare i rametti con la forbice staccando foglia per foglia, eliminando quelle rovinate. Lavate il basilico delicatamente utilizzando acqua fredda. A questo punto immergete le foglie e per qualche minuto all’interno di un contenitore pieno di acqua fredda e anche qualche cubetto di ghiaccio. Poi tamponate con un canovaccio le foglie sempre delicatamente e lasciate asciugare per bene. A questo punto potete decidere di conservare il basilico in freezer ponendolo all’interno di sacchettini ideali per questo scopo. Potete anche scegliere di conservare il vostro basilico sotto sale, mantenendo così il suo aroma anche per tutto l’inverno.

Leggi articolo precedente:
Ciclamino
Ciclamino: etimologia, descrizione e coltivazione in vaso

Tra le piante più amate oltre che conosciute vi troviamo il Ciclamino, il cui nome scientifico è Cyclamen. Si tratta...

Chiudi